News

Tre incidenti in Marmolada, grave ricercatrice caduta mentre osservava stambecchi

Marmolada e Cime Ombretta (Photo courtesy of www.panoramio.com)
Marmolada e Cime Ombretta (Photo courtesy of www.panoramio.com)

ROCCA PIETORE, Belluno — Tre distinti incidenti ieri sulle Dolomiti, il più grave ha visto coinvolta una ricercatrice spagnola di 35 anni. La donna stava monitorando gli stambecchi nella zona meridionale del gruppo della Marmolada quando è scivolata per 100 metri, procurandosi gravi traumi.

La ricercatrice ed una sua collega dell’Università di Padova, entrambe spagnole, si erano recate ieri nella valle di Ombretta, sulla parete sud della Regina delle Dolomiti. Le due donne erano impegnate nel monitoraggio degli stambecchi a circa 2300 metri di quota nella zona compresa tra Malga Ombretta e il Rifugio Onorio Falier.

Attorno alle 14 la 35enne è scivolata, rotolando per un centinaio di metri lungo il versante. Sul posto sono giunti i soccorritori della Stazione della Val Pettorina con un quad e l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore. L’eliambulanza ha recuperato la ferita col verricello e trasportata all’ospedale di Belluno in gravi condizioni.

Sempre sulla parete sud della Marmolada, un rocciatore ceco di 33 anni è stato colpito da una scarica di sassi sul settimo tiro della via Vinatzer-Castiglioni. Lo scalatore, nonostante fosse ferito ad un ginocchio, è riuscito a completare le doppie di discesa con il compagno.

Una volta giunti al Rifugio Onorio Falier, a quota 2074 metri, hanno chiesto l’aiuto dei soccorsi poichè il 33enne non era più in grado di proseguire a piedi. Una squadra del Soccorso alpino della Val Pettorina, dopo la precedente emergenza in valle d’Ombretta, è tornata con il quad dal ferito per accompagnarlo fino alla macchina.

L’ultimo incidente è avvenuto sulle montagne di Cortina d’Ampezzo. Un 72enne della provincia di Pordenone stava effettuando un’escursione nei pressi di forcella Averau quando si è procurato una storta alla caviglia. I soccorritori provenienti dalla cittadina bellunese hanno raggiunto l’uomo lungo il sentiero e lo hanno accompagnato all’ospedale Codivilla.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close