Meteo

Italia spaccata dal meteo: supertemporali al Nord e 40°C al Sud

Temporali al Nord (Photo courtesy forum.meteonetwork.it)
Temporali al Nord (Photo courtesy forum.meteonetwork.it)

BERGAMO — Sarà un’Italia spaccata in due quella del Week-end: mentre le regioni settentrionali dovranno fare i conti con il transito di due impulsi instabili, il Meridione sarà ancora sotto la bolla calda dell’anticiclone africano.

Un primo passaggio temporalesco è atteso nel corso di Sabato, quando acquazzoni e temporali, anche di forte intensità ed accompagnati da grandinate, si innescheranno sui settori alpini e prealpini, per poi raggiungere in serata anche la Pianure Padana a Nord del Po. Qualche rovescio anche su alta Toscana e Levante ligure, mentre il bel tempo continuerà a padroneggiare sul resto del Paese, con clima molto caldo, specie su Puglia, materano, Calabria ionica e Sicilia Sud-orientale, dove sono attese punte di 35-38°.

Domenica secondo impulso instabile, con occasione per nuovi rovesci e temporali su Alpi e Prealpi, in marcia serale verso Triveneto e Lombardia, fino a raggiungere l’Emilia Romagna e le alte Marche. Nelle località alpine, da Limone Piemonte all’Aprica, da Alagna Valsesia ad Asiago, sono previste temperature intorno ai 10-15 gradi. Lo zero termico si attesta intorno ai 3900 metri, in abbassamento a 3500.

Continuerà invece a fare molto caldo al Sud, dove il “colpo di coda” dell’anticiclone africano farà schizzare le temperature fino a 35/40° su numerose località, inferiori ma con afa moderata lungo le coste Tirreniche.

Da Lunedì e per l’inizio della nuova settimana si cambierà musica, grazie all’arrivo dell’alta pressione delle Azzorre che richiamerà una sostenuta ventilazione di maestrale su tutto il Paese. Un maestrale “purificatore” che spazzerà via la canicola africana, decretando la fine dell’ondata di calore ed un crollo termico che su alcune località potrà raggiungere i 7/10°C. Avrà così inizio la tipica estate mediterranea, con tempo soleggiato e caldo nella norma senza eccessi.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close