• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Alta quota

Giampaolo Corona: la grande emozione sulla vetta del Dhaulagiri

Giampaolo Corona in vetta al Dhaulagiri (photo courtesy G. Corona)
Giampaolo Corona in vetta al Dhaulagiri (photo courtesy G. Corona)

SAN MARTINO DI CASTROZZA, Trento — “In cima tiri il fiato… nel senso che lo tiri davvero tante volte perchè sopra gli 8000 metri è dura. Però è stata un’emozione bellissima, in una giornata bellissima, e siamo riusciti a fare belle foto. Una grande emozione”. Con queste parole l’alpinista trentino Giampaolo Corona, 6 ottomila all’attivo, descrive la sensazione provata in vetta al Dhaulagiri, 8.167 metri, salito due settimane fa con Mario Panzeri.

Guardando queste foto, gentilmente concesse da Corona, si può quasi intuire l’emozione della cima, la sensazione di essere nel punto più alto della montagna. Circondati dal cielo, che si è aperto al sole ma che mostra ancora le nubi scure finalmente in allontanamento.

“La spedizione è stata lunga – racconta Corona – ma ho passato il tempo con delle bellissime persone. E ho trovato un amico, Mario. Purtroppo il meteo non è stato molto favorevole, si vede dai 46 giorni di campo base e dal fatto che siamo saliti 6 volte prima di riuscire a pernottare a campo 3 per tentare la cima”.

Ma alla fine, la cime è stata raggiunta. Per Corona un gesto di gioia, come l’alzare in alto la bandiere di preghiera, e una bellissima posa da “finalmente ci siamo!”, seduto sulla vetta con le braccia allargate.

Il racconto di Corona è nella videointervista che potrete guardare nel nuovissimo player di Montagna.tv. E’ stata girata all’aeroporto di Malpensa al rientro dell’alpinista.

Giampaolo Corona in vetta al Dhaulagiri (photo courtesy G. Corona)
Giampaolo Corona in vetta al Dhaulagiri (photo courtesy G. Corona)
Articolo precedenteArticolo successivo

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.