AlpinismoAlta quota

Shisha Pangma, alpinisti diabetici tentano le vetta

Shisha Pangma (Photo www.diabete.net)
Shisha Pangma (Photo www.diabete.net)

LHASA, Tibet — Quattro alpinisti italiani affetti da diabete di tipo 1 allo Shisha Pangma. Sono i membri della spedizione “Ottomilaventisette – Tibet Adiq tour 2012” Marco Peruffo, Manuel Dal Molin, Enzo Cerato e Alberto Zanolini: i primi due tenteranno di arrivare senza ossigeno in vetta agli 8027 metri della montagna, gli altri invece hanno compiuto solo il trekking di avvicinamento al campo base.

Il viaggio è organizzato da Adiq – Alpinisti Diabetici in Quota, un gruppo di appassionati di trekking e alpinismo che ha imparato a salire in cima alle vette tenendo sotto controllo il diabete, che può influire molto sulla performance sportiva. Il team è partito da Milano l’8 aprile scorso con una doppia tabella di marcia: una relativa al gruppo trekking e una al gruppo alpinistico. Il primo, composto da Enzo Cerato e Alberto Zanolini è attualmente già in fase di rientro a Kathmandu; il secondo, di cui fanno parte invece i due alpinisti diabetici Manuel Dal Molin e Marco Peruffo, e Camillo Cariboni e Giampaolo Casarotto, sta entrando ora nel vivo della salita.

Il tentativo di vetta, salendo lungo il versante nord dello Shisha Pangma, dovrebbe svolgersi tra questa e la prossima settimana. Secondo quanto scritto dal blog della spedizione “Ottomilaventisette”, all’interno del portale Diabete.net dedicato a tutti coloro che soffrono di questa patologia, ieri il gruppo ha celebrato la Puja e ora è pronto a proseguire verso i campi alti.

“Ogni due ore in attività dovremo misurare la glicemia e capire e dosare bene il correttivo di insulina se ce n’è bisogno – ha spiegato Marco Peruffo, presidente di Adiq alla sua quarta esperienza sull’Himalaya, arrivato in vetta a un ottomila, il Cho Oyu, nel 2002 -.  Nei sei viaggi precedenti che ho fatto ad alta quota mediamente ho aumentato il mio fabbisogno insulinico tra il 20 e il 25 per cento rispetto quello normale a livello del mare. Quello dell’alta quota  è un mondo molto complesso ma se uno ha un po’ di esperienza non lo vede con preoccupazione.”

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close