• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Multimedia, Patagonia, Top News

Nella foresta col machete e 32 notti in parete: la nuova via della Vidal

Silvia Vidal (Photo Silvia Vidal - www.desnivel.com)
Silvia Vidal (Photo Silvia Vidal - www.desnivel.com)

PUERTO NATALES, Cile — Un’impressionante nuova via in solitaria nella Patagonia cilena. Si chiama “Espiadimonis”, sale sulla Serranía Avalancha ed è stata aperta in 32 giorni, tra febbraio e marzo, dalla climber catalana Silvia Vidal. Solo l’avvicinamento prevede un attraversamento di una fitta e selvaggia foresta, poi una traversata del lago e infine 1300 metri di via su una parete su cui, nei giorni dell’apertura, scendevano vere e proprie cascate d’acqua.

Sembra davvero un’impresa epica quella affrontata da Silvia Vidal, non nuova per la verità a difficili scalate in solitaria. La spedizione le ha portato via due mesi, ma in parete è stata dall’8 febbraio al 10 marzo. Prima di raggiungere la roccia ha attraversato il Bosque Valdiviano, facendosi largo nella selva a colpi di machete, poi ha preso un gommone ed è arrivata alla base del muro verticale. Quindi ha iniziato la salita, ma dopo i primi 350 metri è stata costretta a fermarsi, trascorrendo 16 giorni in portaledge per il cattivo tempo. La pioggia è caduta intensa e a lungo, creando delle vere e proprie cascate che scendevano dalla cima della montagna e impedivano la scalata. Dopo essere arrivata in vetta, la Vidal ha impiegato 3 giorni per scendere in corda doppia lungo la stessa via.

Espiadimonis (Photo courtesy Silvia VIdal - www.desnivel.com)
Espiadimonis (Photo courtesy Silvia VIdal - www.desnivel.com)

Secondo il sito spagnolo Desnivel, che riferisce la notizia, “Espiadimonis” (che in catalano significa “libellula”) è stata valutata di grado di difficoltà A4/6b. Sulla stessa parete era già stata tracciata in passato un’altra via, “Araucania”, che però si fermava sotto la vetta. Nei giorni in parete la Vidal è rimasta totalmente isolata dal mondo, volutamente priva di telefoni, radio, o mezzi che potessero indicarle neppure le previsioni meteorologiche.

More info: www.desnivel.com

Nel video Silvia Vidal mostra le cascate d’acqua che scendevano dalla montagna.

 

 
 

httpv://youtu.be/5JARKYjkIjo

Articolo precedenteArticolo successivo

7 Comments

  1. complimenti una vera DONNA.
    peccato che i commenti di gioia e di complimenti siano esigui. chissa’ poi perche’…………………
    impieghiamo ore di click per un brumotti e centinaia di commenti e solo due per una simile impresa.
    saremo mica troppo rapiti dai pettegolezzi??????!!!!!!!!!!!!

  2. Cara Viviana,Silvia Vidal è nata nel 1970 e come tale non ha bisogno dei complimenti altrui,noi del 70 facciamo(non sono un alpinista),perchè quando noi torniamo gli altri stanno andando.Grande Silvia,onore alla leva de 70……poi ha quegli occhi che…..

    1. non trovo affatto pertinente la sua risposta al mio commento. che poi sia del 70 o del 80od altro per me è uguale.salve marco

      1. salve Viviana,era per dire che solo chi è del 70,fà cose strabilianti,il mio era un complimento all’alpinista Silvia Vidal,non sò di che leva sei Tu.Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.