• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari

Appennino, un viaggio nel tempo sul Contrafforte pliocenico

BOLOGNA — Il nome dà subito l’idea di qualcosa legato alla preistoria. E in effetti il Contrafforte Pliocenico, insieme di rupi rocciose in pietra arenaria che si snodano, come un bastione naturale, tra le valli dei fiumi Setta, Reno, Savena, Zena e Idice, in Provincia di Bologna, ha avuto origine tra i cinque e i due milioni di anni fa.

Si snoda nei territori dei comuni di Monzuno, Pianoro e Sasso Marconi ed è nato dalla sedimentazione di sabbie e ghiaie trasportate dai torrenti appenninici all’interno di un ampio golfo marino che, nel Pliocene, occupava l’attuale Appennino Bolognese. La costa era circa 15 chilometri a monte rispetto alla via Emilia. Le sabbie dorate divenute rocce conservano importanti testimonianze fossili, ma non solo. Il lavoro dell’erosione ha creato torrioni, rupi, gole e grotte che ospitano una flora e una fauna variegate.

Una volta la zona era interessante anche dal punto di vista storico-architettonico, ma purtroppo nel corso dei secoli, e soprattutto a causa dei bombardamenti dell’ultima guerra, i castelli, i borghi e le chiese di epoca medievale scavati nella roccia sono andati quasi del tutto perduti. Restano alcune case di Livergnano, che certo meritano una visita.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.