Itinerari

Itinerari: a cavallo sull’altopiano delle Rocche

L'altopiano delle Rocche (courtesy of www.abruzzo.dimmidove.it)

L’AQUILA, Abruzzo — Altipiani erbosi, faggete, pareti calcaree. La strada che attraversa l’altopiano delle Rocche è perfetta per essere percorsa a cavallo. Si parte da Tornimparte piccolo centro dell’ aquilano costituito da diverse frazioni. Fino a qualche tempo fa gli abitanti si dedicavano alla pastorizia ma erano soprattutto carbonai e boscaioli. E’ un luogo ricco di storia: fu feudo dei Piccolomini e dei Colonna e partecipò alla fondazione dell’Aquila. Nel 1663 fu possedimento di Matteo Barberini e qui si accampò Filippo D’Orange che nel 1528 si preparava a devastare L’Aquila.

Altro paese che si incontra sul tragitto e merita una visita è Lucoli, che sorge sul terreno che una volta apparteneva alla abbazia benedettina di San Giovanni di Collimento, nella valle del torrente Rio. Tra i monumenti merita attenzione la parrocchiale di San Giovanni Battista del sec. XII con sculture raffiguranti scene sacre. Altra chiesa importante è la chiesa della Beata Cristina del XVI secolo.  Molto interessante è la chiesa di S. Menna, risalente al VII – VIII secolo, la  più antica della provincia dell’Aquila, oggi chiusa al pubblico.

Proseguendo il tragitto si raggiunge la piana di Campo Felice. Dopo averla superata si arriva a Rocca di Cambio sull’altipiano delle Rocche.  L’altopiano è sovrastato da numerose cime – Monte Rotondo, Monte Cagno, Monte Ocre e Cefalone – tutte sopra i duemila metri.

Una breve sosta è d’obbligo a Rocca di Mezzo, paesino adagiato su di un colle, circondato da boschi e pinete, che è il più importante centro dell’altopiano. Ha un fascino medievale che si è conservato nel tempo.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close