Curiosità

Artico, il bassista dei Clash arrestato con i climber di Greenpeace

Greenpeace against Arctic Oil Drilling (Photo greenpeace)
Greenpeace against Arctic Oil Drilling (Photo greenpeace)

LONDRA — C’era anche Paul Simonon su una delle navi di Greenpeace lo scorso giugno, nei mari dell’Artico. L’ex bassista dei Clash si è imbarcato in incognito per fare la sua parte nella scalata della piattaforma della Leiv Eriksson, abbordata dai “militanti green” mentre transitava nello stretto di Davis, diretta al sito di perforazione di Atammik, a ovest della Groenlandia. Arrestato dalla polizia insieme agli altri attivisti, una volta in carcere avrebbe addirittura dato prova del suo talento di chef, sostituendo i suoi manicaretti alla pessima cucina galeotta.

La notizia è stata diffusa dallo stesso Simonon qualche giorno fa a Londra, durante la data di apertura del tour del suo gruppo “The Good, the Bad & the Queen”. La vera identità di uno degli attivisti climber protagonisti dell’assalto della scorsa estate alla piattaforma offshore diretta in Groenlandia è rimasta segreta infatti, fino a novembre. Merito non solo della connivenza di chi sapeva, ma anche di un riuscito anonimato, che avrebbe difeso l’ex bassista dei Clash dall’attirare l’attenzione su di sé.

Paul_Simonon
Paul_Simonon

Sulla nave di Greenpeace Simonon lavorava come aiuto cuoco, mansione che avrebbe persino mantenuto una volta in carcere. Nel giugno scorso ha preso parte insieme a un gruppo di climber attivisti alla scalata della piattaforma petrolifera della compagnia Cairn Energy, per protestare contro le esplorazioni petrolifere e lo sfruttamento dei giacimenti di greggio dell’Artico.

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Sono perplesso.
    In carcere con che nome c’è andato?
    Se avesse dato generalità false sarebbe perseguibile, e comunque penso non sia facile darle. Diversamente il nome sarebbe dovuto essere noto già allora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close