• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Webcam in Val Serina, la parola dell'installatore

Capanna 2000 (Photo antonioferraribike.blogspot.com)
Capanna 2000 (Photo antonioferraribike.blogspot.com)

OLTRE IL COLLE, Bergamo — La settimana scorsa il Sindaco di Oltre il Colle, Rosanna Manenti, ci ha rilasciato un’intervista relativa alla “webcam della discordia”, installata al rifugio Capanna 2000 in Val Serina. La telecamera, che ha suscitato polemiche da parte di escursionisti per ragioni di privacy, secondo il primo cittadino non è mai stata autorizzata dal Comune e proprio per questa andrebbe  rimossa. Oggi abbiamo quindi contattato il privato che l’ha installata, il signor Maurizio Andreozzi, membro dell’Associazione Culturale Ultra Collem: secondo quanto ci ha spiegato, è stata l’associazione ad installare e offrire la webcam al gestore del rifugio nel luglio dell’anno scorso.

Signor Andreozzi, come mai non è mai stata chiesta l’autorizzazione per installare la webcam?
Prima di tutto voglio dire che ho installato la webcam a nome dell’Associazione Culturale Ultra Collem, che ha deciso di posizionare gratuitamente la telecamera su richiesta e con un contratto firmato  dal gestore del rifugio. Nessuno di noi si è immaginato di andare in un rifugio a montare telecamere senza permessi e senza aver chiesto a chi ci abita o a chi lo gestisce. La webcam non ha toccato nessun muro. É stata messa su un paletto con una fascetta del telefono del gestore e quindi non abbiamo recato nessun danno al muro. Non ci è venuto in mente di chiedere il permesso al Comune in quanto il contratto di affitto del gestore scade nel 2021: come ha messo la sua antenna parabolica, il suo faro di illuminazione, il suo filo per stendere i panni, così ha messo anche una fascetta con la telecamera. Tutti i rifugi in Italia, almeno quelli più organizzati, hanno una telecamera pagata con i soldi pubblici o con le associazioni di Cai o Provincia etc… Qui nessuno mai ha fatto una richiesta del genere. Noi l’abbiamo installata e successivamente è stata addirittura donata. Da quando l’abbiamo installata, tutto è rimasto in mano al gestore.

Quindi lei afferma che gli eventuali spostamenti della telecamera, se sono stati fatti, sono stati fatti dal gestore?
Noi ci occupiamo solo della parte tecnica in caso di guasto. Se sia stata spostata o no, non dipende da noi, sarà stato deciso dal rifugista in base alle sue esigenze. Il problema della privacy a mio avviso non sussiste in quanto nessuna persona è riconoscibile dal momento che la webcam si trova a 25 metri dall’obiettivo. In ogni caso quello che conta secondo me è tutto ciò che c’è dietro la telecamera: il panorama, che aiuta sia il Soccorso alpino nelle operazioni di soccorso, sia gli escursionisti che possono vedere com’è il tempo in quota. Per questo trovo sproporzionata la richiesta di rimozione della telecamera.

Di cosa si occupa Associazione Culturale Ultra Collem?
Si occupa di ricerche storiche sul territorio. Lo scopo dell’associazione è sintetizzato nell’articolo numero uno dello statuto: promuovere la conoscenza, la conservazione e la diffusione del patrimonio storico, culturale, artistico, ambientale della conca di Oltre il Colle e del parco delle Orobie Bergamasche. Quindi è un associazione culturale, storica, geografica ma anche con aspetti meteorologici, perchè alcune persone del gruppo sono appassionati da anni di meteorologia e hanno sempre lavorato in questo senso.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.