Trail running

Tor de Geants, vince Gabioud dopo la squalifica del connazionale Gazzola

Jules Henry Gabioud (a sinistra) e Marco Gazzola (a destra) al traguardo del Tor des Gèants 2011 (Photo Stefano Torrione courtesy of  www.tordesgeants.it)
Jules Henry Gabioud (a sinistra) e Marco Gazzola (a destra) al traguardo del Tor des Gèants 2011 (Photo Stefano Torrione courtesy of www.tordesgeants.it)

COURMAYEUR, Aosta — E’ stato un finale sospeso fino all’ultimo quello della seconda edizione del Tor des Géants. Il primo a tagliare il traguardo è stato Marco Gazzola, ma la sua gara è stata poco dopo squalificata in quanto l’elvetico avrebbe sbagliato sentiero, accorciando una tappa. Così la vittoria è andata a Jules Henry Gabioud, un altro svizzero, che ha percorso i 330 chilometri in quasi 80 ore.

A soli 24 anni lo svizzero Jules Henry Gabioud ha vinto la seconda edizione del Tor des Géants, uno degli endurance trail più difficili delle Alpi che si snoda lungo 25 passi della Val d’Aosta tutti a oltre 2000 metri di quota per una lunghezza totale di 330 chilometri. Il corridore elvetico è arrivato alle 17:58 dopo 79 ore e 58 minuti di corsa, ma un suo connazionale aveva tagliato il traguardo di Courmayeur prima di lui.

Lo svizzero Marco Gazzola era infatti arrivato alla fine del percorso attorno all’una di ieri, dopo 74 ore e 58 minuti di corsa. I controlli effettuati hanno però evidenziato che il corridore non era stato registrato al rifugio Bertone, l’ultimo punto di passaggio previsto e obbligatorio. La giuria ha inoltre notato un’incongruenza nei tempi dell’ultimo tratto e ha deciso di squalificare il concorrente.

Lo stesso Gazzola ha ammesso di aver sbagliato sentiero a causa dell’euforia del momento e così ha atteso l’arrivo del connazionale per porgergli personalmente la corona del vincitore. Gli altri gradini del podio sono occupati dal francese Christophe Le Saux, giunto al traguardo alle 22.09 e classificatosi secondo, mentre il terzo è stato lo spagnolo Pablo Criado Toca.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close