• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Tre incidenti sulle Dolomiti bellunesi durante il weekend

Dolomiti (Photo courtesy of  control.ing.unitn.it)
Dolomiti (Photo courtesy of control.ing.unitn.it)

BELLUNO – Tre diversi incidenti si sono verificati sulle montagne venete durante il fine settimana: due alpinisti italiani sulla Marmolada e due stranieri sulle Tre Cime di Lavaredo sono rimasti bloccati durante una scalata, mentre uno scalatore si è ferito mentre saliva al monte Civetta. Fortunatamente nessuno di loro è in gravi condizioni.

Sono stati recuperati sabato mattina due alpinisti italiani rimasti bloccati sulla via dell’Ideale, lungo la parete Sud della Marmolada, rispettivamente a 300 e 375 metri dalla cima. Il soccorso è stato piuttosto complicato in quanto l’elicottero del Suem non riusciva a raggiungerli e caricarli a bordo. Due tecnici del soccorso si sono dunque calati per agganciarsi ai due scalatori: una coppia soccorritore-alpinista è stata issata dal resto della squadra fino a Punta Rocca, a 3.260 metri, mentre la seconda ha dovuto aspettare l’arrivo dell’elicottero dell’Aiut Alpine Dolomites.

Sempre nella giornata di sabato due alpinisti stranieri stavano raggiungendo la Cima Ovest delle Tre Cime di Lavaredo quando sono rimasti incrodati. I due  stavano scalando la Via Cassin, che dal Rifugio Auronzo a 2320 metri porta a 2815 metri (circa a 160 metri dalla vetta) lungo la parete nord della montagna. Un elicottero del Suem ha effettuato un sopralluogo e li ha individuati, ma ha dovuto rientrare a causa del buio. I due, illesi ma incapaci di proseguire, hanno bivaccato in parete durante la notte e sono stati recuperati al mattino.

Infine ancora sabato uno scalatore stava raggiungendo la cima del monte Civetta, 3220 metri, lungo la via Solleder, quando è volato per circa 7 metri a causa del cedimento di un appiglio. Sebbene ferito, durante la nottata è riuscito con il compagno ad arrivare al rifugio Torrani a 2984 metri. Nel mattino di ieri due soccoritori e il gestore hanno spostato il ferito in una zona agevole per il recupero da parte dell’elicottero. Ora è ricoverato all’ospedale di Belluno con sospetti traumi alla schiena e a un ginocchio.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.