• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Val di Mello, climber solitario bloccato in parete

Veduta della Val di Mello (photo courtesy www.paesidivaltellina.it)
Veduta della Val di Mello (photo courtesy www.paesidivaltellina.it)

SAN MARTINO VALMASINO, Sondrio — Un ragazzo di 16 anni è stato recuperato ieri, 27 luglio, sulle lisce placche della Val di Mello. Il giovane si era avventurato da solo in parete, ma colto dalla paura non è riuscito più a continuare nella scalata. A quel punto è partita la richiesta di soccorso.

Sembra che il climber, residente proprio in Val Masino, arrampicasse da tempo nella zona ma ieri qualcosa è andato storto. Secondo le informazioni pubblicate da La Provincia di Sondrio, il ragazzo era uscito ieri pomeriggio per affrontare in solitaria la difficile via d’arrampicata Patabang, famosa per essere una via d’arrampicata di V grado quasi del tutto improteggibile.

Ad un certo punto della via però, il ragazzo sarebbe stato preso dall’agitazione. “Incapace di proseguire ed impossibilitato a scendere perchè solo – secondo quanto ci riferisce la Stazione del soccorso alpino di Sondrio – il ragazzo ha deciso di fermarsi su una cengia, ed ha iniziato a chiamare a gran voce i soccorsi. Un rifugista udita la richiesta d’aiuto ha dato l’allarme alla centrale operativa”.

Il recupero ha richiesto l’uso dell’elicottero, l’impiego di 3 uomini a terra, un tecnico in volo e la squadra medica del 118. “Gli uomini del soccorso alpino sono riusciti a calarsi dal veivolo con l’uso del verricello – dicono ancora dalla stazione Cnsas di Sondrio – e a trarre in salvo il ragazzo, fortunatamente senza nessuna conseguenza fisica”.

La disavventura si è risolta quindi solo con un brutto spavento per il sedicenne della Valmasino.

Articolo precedenteArticolo successivo

2 Comments

  1. Bravo Andrea! E paghiamo pure le gite di quelli della Rai che con la scusa di parlare della natura (ma cosa c’entra con le regioni poi?) vanno in montagna e al mare o sui circuiti di motociclismo a fare le gite in coppia… questi servizi fanno danno alla montagna e incrementano il turismo sciocco anziche’ aiutarla come invece fate voi…E paghiamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.