• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpi e pareti, Alpinismo, Alta quota, Karakorum, Top News

Straordinario: Moro, Urubko e Richards conquistano la prima invernale al GII

Moro in vetta al Makalu nel 2009 (Photo courtesy www.simonemoro.com)
Moro in vetta al Makalu nel 2009 (Photo courtesy www.simonemoro.com)

ISLAMABAD, Pakistan — E’ vetta, signore e signori. Un risultato talmente straordinario che è quasi difficile da credere. Eppure è così: Simone Moro e Denis Urubko entrano di nuovo nella storia dell’alpinismo firmando la prima invernale al Gasherbrum II, 8035 metri insieme a Cory Richards. E’ la prima montagna dell’intera catena del Karakorum ad essere stata salita d’inverno.

La vetta è stata toccata alle 11.28 del mattino, ora pakistana.

L’annuncio è arrivato da Barbara Zwerger, la moglie di Simone Moro, che ha ricevuto la telefonata dalla cima della montagna nelle prime ore di questa mattina. Dopodichè, ha riportato la notizia sul sito dell’alpinista bergamasco, regalando un tuffo al cuore a tutti gli appassionati che questa mattina cercavano aggiornamenti sul tentativo di vetta.

Il messaggio recita così: “Questa mattina all’alba i nostri tre eroi ce l’hanno fatta. Hanno raggiunto la vetta del Gasherbrum II in invernale, portando a casa un risultato storico al primo tentativo! Simone ha chiamato la moglie Barbara dalla vetta, ora stanno scendendo al campo base. Attendiamo le loro testimonianze nelle prossime ore”.

“Mi ha chiamata alle 8.40 ora italiana – racconta la moglie di Moro -. Si trovavano sul traverso sotto la cima. Era a dir poco raggiante. Stavano già scendendo da un’oretta, mi ha detto che è stata durissima ma che tutti e tre stavano bene e ce l’avevano fatta. Era felicissimo. Anche io lo sono. E’ così dura dover aspettare tanti giorni prima che torni in Italia”.

In questo momento i tre alpinisti stanno quindi scendendo verso il campo base, sono attese nelle prossime ore le loro prime dichiarazioni.

“Dovrebbero arrivare a campo 3 nelle prossime ore – prosegue Barbara Zwerger – ma spero che riescano a scendere oltre, anche se sono molto stanchi, perchè Karl Gabl prevede vento a partire dal pomeriggio. Domani, a 6.900 metri dove hanno la tenda, dovrebbero esserci raffiche a 70 chilometri orari e neve”.

Grandi capacità, grande tenacia e anche grande tempismo, dunque. Moro e compagni hanno seguito una perfetta strategia di acclimatamento e di salita, che in meno di un mese dall’arrivo al campo base li ha portati a centrare un obiettivo che segna una svolta nella storia dell’alpinismo in Karakorum. Dove mai nessuno era riuscito a salire un ottomila d’inverno. Loro hanno saputo resistere a temperature di 46° sottozero, e gestire con una precisione da manuale le brevi finestre di bel tempo concesse dal meteo, centrando la vetta nelle 12 ore di bel tempo previste per stamattina.

Con il Makalu il 9 febbraio del 2009 e il GII oggi, 2 febbraio 2011, Moro e Urubko firmano una doppietta di prime invernali senza precedenti. Per Moro è la terza prima invernale compreso lo Shisha Pangma: prima di lui solo gente del calibro di Jerzy Kukuczka e Krzysztof Wielicki, entrambi polacchi, è riuscita a fare tanto. Per Urubko, 14 ottomila senza ossigeno e vie nuove ad alta difficoltà tracciate sui versanti più duri dei giganti himalayani, si tratta della seconda prima invernale. Per Richards, è il battesimo delle invernali e il secondo ottomila della carriera: lui è il primo americano a salire un ottomila d’inverno.

E’ proprio a Wielicki che abbiamo chiesto che cosa significa scalare d’inverno su quelle vette, avendo a che fare con temperature vicine ai 50 gradi sottozero, con la carenza d’ossigeno, con la completa solitudine ai campi base.

Caratteristiche che rendono davvero fuori dal comune l’impresa compiuta da Moro e compagni, in condizioni che è difficile anche solo immaginare. Ma loro hanno saputo come gestirle. E hanno di nuovo scritto una pagina di storia indimenticabile, che rilancia l’alpinismo italiano, ed europeo, ai massimi livelli mai conosciuti nell’epoca moderna.

Trovate l’intervista a Wielicki nella sezione video di Montagna.tv.

Articolo precedenteArticolo successivo

25 Comments

  1. Congratulazioni!
    Il vostro modo di affrontare queste salite le fa sembrare quasi facili .. invece … sono vere imprese!

  2. GRANDI GRANDI GRAND I!!! Stavo solo aspettando la notizia, perchè sapevo ce l’avreste fatta !!!!
    Complimentoni !!! Siete voi il grande alpinismo e il punto di riferimento per le generazioni future !!! Grazie di averci fatto sognare insieme a voi ancora una volta !!!

  3. Congratulazioni (è dir poco) a Simone, Denis e Cory. Queste sì sono imprese himalayane degne di grande risonanza mediatica, a differenza di certe normali estive con sherpa e corde fisse posate da altri! Si capisce l’allusione?

  4. Incredibili. GRANDI. L’unione, la collaborazione, l’intesa con i proprio compagni e la gioia di raggiungere insieme l’obiettivo fanno la forza e regalano queste grandi soddisfazioni e risultati.

  5. GRANDISSIMI….tanti tanti complimenti a tutti e tre….grande dimostrazione di coraggio,tenacia, resistenza,intelligenza e freddezza…..e ora giù senza complicazioni e grandi festeggiamenti…ve li siete meritati…….

  6. Io, semplice amante dei Monti, sono commosso da queste grandi imprese di voi “UOMINI STRAORDINARI”.

    Grazie per le emozioni che ci fate vivere.

    daniele

  7. Meravigliosi!!!!! Impresa degna di grandissimi alpinisti.
    Complimenti perchè oggi ci avete fatto sognare!
    …….. Ma quante migliaia di tatuaggi vale una prima invernale al GII?

  8. magnifici complimenti simone summit anche questa volta che eri un grande lo sapevo gia ma ora sei di piu ci sentiamo quando torni ciao

  9. Coraggiosi e bravissimi !
    Questa è una grande avventura che entra nella storia dell’Alpinismo.

    Simone è un vincente, perché sa sognare, pianificare e organizzare. Sempre preparato e soprattutto, entusiasta. Sapevo che ci sarebbe riuscitio. Complimenti sinceri.

    Raffaele

  10. GRANDI !!!
    Non ho parole di fronte ad un impresa di questo genere. Una sola, forse: ASSOLUTA.

    Grazie di tutto…sono sempre stato con Voi.

  11. Grandissima impresa che porta alla ribalta quell’alpinismo “pulito” fatto di sofferenza, cabarbieta’ e forza psicofisica….!
    Ed e’ gioia x tutto l’ambiente alpinistico italiano, grande Simone….!!!
    Ti aspettiamo al ritorno in Italia..!

  12. Grazie a tutti|!!
    Siamo ora salvi al campo base ma oggi 4 febbraio una valanga ci ha travolti….. e ora ci obbliga a celebrare un nuovo compleanno (salvi tutti e tre……)
    Un abbraccio
    Simone

  13. Siete stati davvero SUPERGRANDIOSI !!!!!Ah, se avessi solo 30 anni e …tanti soldi!!!! Seguo tutte le tue imprese, Simone, e spero di rivederti ancora quest’estate a Selva di val Gardena. Nel frattempo…..cosa farai di altrettanto STUPENDO ? In bocca al lupo! Intanto hai ucciso un altro bel dragone! Ciao Ludovica ( un’ appassionata…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.