News

Disperso il pilota del soccorso "più alto del mondo"

I soccorritori in elicottero: Sabin Basnyat è il secondo da sinistra
I soccorritori in elicottero: Sabin Basnyat è il secondo da sinistra

KATHMANDU, Nepal — Fra gli aviatori era quasi una leggenda. Anche perchè nella storia c’era già entrato come il pilota ad aver realizzato il salvataggio più alto del mondo, con il suo elicottero a 7000 metri sulle pareti dell’Annapurna. Purtroppo però stavolta pare che la sorte gli abbia voltato le spalle.

Sabin Basnyat, il mitico pilota di elicotteri nepalesi, è disperso da due giorni nella zona dell’Everest. A quanto pare il suo velivolo si è schiantato contro una montagna. A bordo, oltre al capitano, c’era un meccanico. L’incidente è avvenuto durante il tentativo di salvataggio di due alpinisti in difficoltà sull’Ama Dablam.

I testimoni hanno raccontato di aver visto il suo elicottero prendere fuoco e schiantarsi contro una parete vicina. Il dirigente della compagnia Fishtail Air Manoj Gurung ha confermato: “Un nostro elicottero di salvataggio è precipitato nella zona dell’Everest”.

Basnyat era abituato a missioni impossibili. Nella sola primavera del 2010 l’Himalayan Rescue Team – una joint venture fra la Fishtail e la Air Zermatt – aveva effettuato 4 operazioni di soccorso molto complesse su Manaslu, Everest, Daulaghir e Annapurna.

Proprio quest’ultima gli ha dato la celebrità internazionale. Basnyat ha soccorso una spedizione spagnola sul versante Nord, salvando tre alpinisti bloccati a campo 4, a 6.950 metri d’altitudine, per mal di quota e congelamenti. Con un’operazione mozzafiato la squadra svizzero-nepalese e guidata da Basnyat li ha evacuati con il baricentrico, compiendo la più alta missione di soccorso mai effettuata da un elicottero.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close