Ambiente

L’Italia scende in campo in difesa del lupo

immagine

ALPBACH, Austria — "Non permetteremo che i lupi facciano la stessa fine dell’orso fucilato in Baviera". Così il Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ha tuonato contro l’uccisione di questi animali operata in Svizzera e Francia. A scatenare le ire è stato il recente abbattimento di una lupa in Val di Goms, sul territorio svizzero.

"L’Unione europea finanzia la salvaguardia del lupo e i Paesi membri lo uccidono – ha dichiarato Pecoraro Scanio a Repubblica, definendo questa situazione "insostenibile".
 
Tant’è che il ministro si sarebbe già rivolto a Bruxelles per chiedere che siano presi adeguati provvedimenti. E non solo. Solleverà la questione alla nona conferenza della Convenzione delle Alpi, in programma venerdì 9 novembre in Austria. Ad Alpbach, i Ministri dell’Ambiente degli Stati alpini e dell’Unione Europea si ritroveranno per fare il bilancio della situazione generale della regione.
  
La Svizzera in realtà non sarebbe sottoposta alle direttive comunitarie, ma è comunque firmataria della Convenzione di Berna (sulla salvaguardia degli animali selvatici in Europa), considera il lupo una specie "assolutamente protetta".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close