• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Film

Oltre la vetta: a Paderno la rassegna di film dedicati alla montagna

 film "Il Gigante delle Dolomiti"
"Il Gigante delle Dolomiti", film muto proiettato durante la rassegna (da www.alibionline.it)

PADERNO DUGNANO, Milano– A partire da questa sera evento imperdibile per gli amanti dei film sulla montagna. Si tratta di “Oltre la vetta. Passione, conoscenza, Avventura”, rassegna organizzata dall’Assessorato alle Attività Culturali e Identità Locale di Paderno Dugnano. Proprio a Paderno avrà luogo l’evento, che sarà ospitato dall’Area Metropolis 2.0 e vedrà la partecipazione della Fondazione Cineteca Italiana.

La kermesse cinematografica prevede la proiezione di quattro pellicole dedicate al mondo della montagna d’alta quota.
Il primo appuntamento è per stasera con il film “Rupi del vino” con la regia di Ermanno Olmi. Un antico proverbio popolare – spiega la locandina del film – dice che i motivi per bere un buon bicchiere di vino sono almeno cinque: “L’arrivo di un amico, la bontà del vino, la sete presente e quella che verrà, e qualunque altro”. La visione del film vi porterà tra le vigne e le cantine più pregiate della Valtellina, dove la tradizione del vino è molto antica e legata a usanze culturali tutte da riscoprire. Il film era già stato presentato all’ultima edizione del Trento Film Festival. Sarà seguito da una degustazione di prodotti tipici valtellinesi.

Il 20 giugno tocca a “Il gigante delle Dolomiti”, film muto restaurato in cui il protagonista Bartolomeo Pagano, in arte Maciste, veste i panni di una bonaria guida alpina coinvolta in un intrigo internazionale. Questa storia di spionaggio permetterà agli ospiti della rassegna di poter ammirare la magnificenza delle Dolomiti, così com’erano un secolo fa. Il restauro del film ha ridato l’antico splendore alla pellicola, attualizzando anche le sue musiche originali. Le didascalie d’epoca sono state gentilmente concesse dal Museo Nazionale del Cinema di Torino. Il film, presentato al Trento Film Festival 2010, sarà introdotto da Matteo Pavesi, direttore della Fondazione Cineteca Italiana.

Il gran finale prevede una serata tutta dedicata alla Patagonia e la presenza di un ospite speciale. La prima parte si aprirà con la proiezione del medio metraggio “Oltre la parete” di Elio Orlandi. L’alpinista trentino, grande appassionato d’arte e di immagini, sarà inoltre presente in sala per parlare con il pubblico. Il film, che ripropone le numerose imprese dell’alpinista in Patagonia, ha vinto l’anno scorso il premio del pubblico come miglior film d’alpinismo al Trento Film Festival.

Nella seconda parte della serata ci sarà la possibilità di vedere “Ritmo latino sulla Ovest del Cerro Torre”, film in concorso al Film Festival di Trento 2007.La pellicola è stata girata nel 2005 dall’alpinista argentino Ramiro Calvo lungo la famosa Via dei Ragni-Ferrari e regalerà agli spettatori una sorpresa nel finale. «Si tratta di un film nuovo nello spirito – sottolinea la guida alpina esperta della Patagonia Marcello Cominetti – e, come suggerisce il titolo, pregno di “latinità”, la stessa che forse il nostro stile di vita globalizzato ci fa spesso a torto dimenticare e che per decenni ha relegato ingiustamente il film d’alpinismo nella retorica del rischio e della sofferenza. Una cosa da vedere insomma ma anche da “sostenere” perché l’alpinismo argentino, anzi è più giusto dire l’andinismo, è più vivo e attivo che mai e agisce in sordina solo a causa dell’ incerta situazione economica del paese che non permette o quasi l’internazionalità che meriterebbe.»

L’ingresso alla rassegna “Oltre la vetta” è libero e la proiezione di ogni film inizierà alle ore 21.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.