News

Cuneo, una “due giorni” di scialpinismo e medicina dello sport

immagine

CUNEO — Venerdì e sabato, in Piemonte, i riflettori saranno puntati sullo scialpinismo: uno sport che, in Italia, conta sempre più praticanti ed appassionati. Un grande congresso internazionale vedrà la partecipazione di medici, ricercatori, preparatori atletici e di campioni del calibro di Guido Giacomelli, Francesca Martinelli e Roberta Pedrenzini.

I temi che verranno discussi nella due giorni cuneese saranno le dinamiche di valutazione funzionale, le tecniche di preparazione, gli aspetti fisiopatologici connessi alla pratica dello scialpinismo. Alla fine della giornata di sabato verrà dedicato un momento di riflessione anche al doping.
 
“Vogliamo che i giovani siano sempre più consapevoli del loro fisico e della loro attività sportiva – ha spiegato Carlo Villosio, direttore del Centro di Medicina dello Sport di Cuneo -. E vogliamo evitare che l’ignoranza rappresenti un’alibi per giustificare l’assunzione di sostanze dopanti, portando a conoscenza di tutti i risvolti  scientifici e medici delle discipline che praticano".
 
Giacomelli, la Martinelli e la Pedranzini praticano lo scialpinismo ai massimi livelli da molti anni. E sono freschi di titolo mondiale, vinto nei campionati che si sono svolti proprio a Cuneo lo scorso febbraio.
 
L’appuntamento con il congresso è fissato per il 20 e 21 ottobre al Centro incontri della Provincia a Cuneo. L’iniziativa è organizzata dal Centro Provinciale di Medicina dello Sport, in collaborazione con la Regione, la Provincia, Comune di Cuneo e Atl di Cuneo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close