News

Forti rovesci, frane in montagna

nubi in montagna
nubi in montagna (foto d'archivio)

BERGAMO — Le previsioni lo avevano annunciato e il maltempo non è stato da meno, con piogge torrenziali su tutto il nord e il centro Italia. Le precipitazioni hanno causato alcune frane sulle montagne, come quella caduta ieri mattina sulla tangenziale di Trento e quella scesa sulla statale dell’Alemagna in Alto Adige. In Valle d’Aosta paura sulla Becca di Nona, anche se per fortuna si è trattato di un falso allarme.

Alcuni sassi sono caduti ieri mattina sulla tangenziale di Trento, all’imbocco sud della galleria di Piedicastello. La frana ha coinvolto alcune macchine ma per fortuna non ci sarebbero feriti. Ieri il casello dell’autostrada è rimasto chiuso in entrambe le direzioni, così come la statale Alemagna in Alto Adige.

Sulla strada altoatesina infatti, 5 metri cubi di materiale sono cauti nella notte tra martedì e mercoledì nei pressi del lago di Landro, nel territorio comunale di Dobbiaco. L’assessore altoatesino ai lavori pubblici ha quindi vietato il traffico nella zona, per pericolo di nuove frane.

Sotto controllo anche i corsi d’acqua, notevolmente cresciuti a causa delle precipitazioni abbondanti, in particolare il Brenta, il cui livello si è alzato di un metro.

In Veneto invece è rientrato l’allarme per la piena del fiume Bacchiglione, nel tratto vicentino, che minacciava l’esondazione. Mentre nel Trevigiano, a Vidor, un pastore è stato sorpreso dalla piena del Piave, ma i vigili del fuoco sono riusciti a salvato in elicottero.

Un distaccamento di sassi e materiali franosi è caduto anche in Piemonte, sulla strada che collega Romagnano con Vintebbio, in provincia di Vercelli, mentre in Valle d’Aosta c’è stato un falso allarme per la frana della Becca di Nona.

Tempo da lupi ancora per le prossime ore, ma chi ha intenzione di muoversi verso il Melloblocco della Val Masino o verso l’Adunata degli Alpini di Bergamo non abbia timore perché i meteorologi parlano di tempo estremamente variabile. Insomma, c’è ancora speranza.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close