News

Alpinismo, un successo la spedizione degli Alpini in Patagonia

13 gennaio 2006 – E’ previsto per martedì prossimo il rientro in Italia della spedizione alpinistica dell’esercito che nelle scorse settimane ha fatto incetta di vette in Patagonia.

 

Quarantotto giorni. E’ quanto è durata la spedizione dei militari italiani che, fra le altre cose, hanno raggiunto anche la vetta del Fitz Roy (nella foto), la più alta del sud della Patagonia (3405 metri). 

 

Nonostante un ultimo tentativo andato a vuoto, il bilancio della spedizione è più che positivo. Oltre alla scalata del Fitz Roy attraverso la via franco-argentina, gli alpini incassano la Aguille Giullaumet attraverso la via Buscarini e la via Brenner. E la Aguilla D e S attraverso la via bulgara.

 

La spedizione è stata organizzata dagli istruttori militari di alpinismo e sci del Centro di addestramento alpino di Aosta. E’ composta da cinque guide del Centro e due istruttori del comando truppe alpine di Bolzano e San Candido. Al fianco del capospedizione, il maggiore Remo Armanno c’erano Ettore Taufer e Giovanni Amort, Alex Busca, Paolo Bruzzi, Ewald Beikirker e Vittorio Pallabazzer.    

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close