• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Meteo, 24 ore d’inferno bianco per il nord Italia

28 dicembre 2005 – Il nucleo di aria artica che si è posizionato sulla Francia nella giornata di ieri, oggi transiterà lentamente sulla pianura padana, da ovest a est. Porterà nevicate anche intense, soprattutto nel pomeriggio e nella serata.

 

A Bergamo, come conferma la redazione di montagna.org, il manto ha già ricoperto tetti, strade e automobili. E le previsioni sono tutt’altro che ottimistiche. La precipitazione intensa si concentrerà sul Friuli e sulla Giulia, dove sono attesi cumuli molto importanti. Alla fine, probabilmente nella prossima nottata, la coltre nevosa potrebbe raggiungere i 25-30cm a quote molto basse nelle zone dell’est bergamasco, bresciano, mantovano, cremonese, veronese, vicentino, piacentino, parmense e su tutte le prealpi del triveneto.

 

Neve e vento anche su Genova. Una bufera che si e’ scatenata all’alba sull’estremo ponente ligure ha creato disagi al traffico. Nell’imperiese la Polizia stradale ha bloccato il transito sulla A10 tra Arma di Taggia e Ventimiglia, al confine con la Francia. Nevicate sono in corso anche sulla A7 Milano-Genova tra Busalla e Genova Bolzaneto, e sulla A26 Genova-Alessandria al confine tra Liguria e Piemonte, dove il traffico e’ aperto ma la viabilita’ e’ rallentata. Chiusa per precauzione, sempre a causa della neve, la A15 La Spezia-Parma. Tregua invece in Friuli.
 
Nella giornata di domani le precipitazioni si sposteranno nelle regioni del centrosud, con cadute anche bassa quota. Il nord dovrà invece fare i conti con il gelo.

Dopo la neve di oggi e domani, il nord vedrà un graduale miglioramento. Ma si tratterà di una breve pausa perchè gli ultimi dati confermano, in prossimità di Capodanno, una nuova perturbazione di matrice atlantica a partire dal nord-ovest associata – verosimilmente, dato le basse temperature che continueranno a permanere anche nei prossimi giorni – ancora a nevicate fino a bassa quota.

Il centro-sud invece sarà alle prese con il maltempo e con freddo in aumento, sino all’ultimo dell’anno. E solo a seguire potrà godere di qualche sprazzo di sole.

Massimiliano Meroni

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.