News

La Val di Susa si ferma contro la Tav

16 novembre 2005 – Un lunghissimo corteo è partito da Bussoleno in Val di Susa per dire no alla linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.

Partito con una ventina di minuti d’anticipo, verso le 9.40, aprono il corteo oltre ad una cinquantina di sindaci dei paesi della Val di Susa e agli amministratori locali, il presidente di Lega Ambiente Roberto Della Seta, l’indipendente di Rifondazione Pietro Folena, il parlamentare europeo Vittorio Agnoletto.

La marcia percorrerà otto chilometri. La scritta No-Tav è dappertutto: sulle bandiere e sui palloncini bianchi e rossi, ma anche sui pali della luce, sui muri delle strade.

Allo sciopero, indetto dalle Rsu-Fiom, hanno aderito le confederazioni dei Cobas, ma non la dirigenza della Cgil.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close