News

India-Pakistan, aperta la frontiera scoppiano gli scontri

7 novembre 2005 – L’intento era dei più nobili. Deporre l’ascia di guerra e aprire un varco sul confine conteso fra India e Pakistan per consentire il passaggio degli aiuti a favore dei terremotati. Ma l’esito, purtroppo, è stato diverso dal previsto.

 

mappaLa storica mossa è stata offuscata dai disordini tra gli abitanti di villaggi pakistani e la polizia. Le forze dell’ordine hanno sparato in aria quando i manifestanti hanno cercato di avvicinarsi alla Linea di controllo, il confine che  di fatto divide il Kashmir pakistano da quello indiano.

 

Alcuni manifestanti hanno urlato "lasciate passare le persone" e "vogliamo la libertà" e almeno due uomini con in braccio bambini sono corsi oltre il confine, cercando di passare nella parte indiana, prima di essere fermati. Lo rifesce l’agenzia Reuters. "Vogliamo un Kashmir indipendente. Non rispettiamo questo confine", ha detto uno dei manifestanti, Azhar Mushtaq.

 

Appena prima della protesta, i militari indiani e pakistani avevano aperto il confine con un gesto altamente simbolico, per facilitare le operazioni di soccorso per i sopravvissuti al terremoto che ha ucciso oltre 73mila persone in Pakistan e 1.300 in India.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close