News

Autunno, è tempo di sagre e castagne

4 novembre 2005 – Non c’è che dire, la regina dell’autunno è proprio lei: la castagna. Da alimento povero sta diventando un’autentica riscoperta sia nel turismo che a tavola. Arrosto o bollita, nel corso dei secoli ha rappresentato la principale ricchezza e il maggior nutrimento della gente comune. Oggi viene rivalutata – per la cultura, le tradizioni e la gastronomia – attraverso le numerose sagre in tutte le regioni italiane.

 

castagnaFra le proposte più interessanti c’è quella di Velturno, nella valle dell’Isarco in provincia di Bolzano. Dove per esempio, fino al 6 novembre si terrà la "festa del Keschtnigl’ (letteralmente riccio di castagna). Per l’occasione, oltre alla consueta degustazione di specialità gastronomiche, sarà allestito il mercato tradizionale. E ci sarà la possibilità di passeggiare con le guide nei castagneti, attraverso itinerari costellati di posti leggendari che accentuano il valore culturale della castagna.

 

A Paganico Sabino (provincia di Rieti) invece ci sarà la "Sesta festa delle Castagne", mentre sempre domenica a Acquanegra Cremonese (Cremona) sarà la volta di un evento enogastronomico a base di "Castagne e ceci".

 

Per chi ama l’abbinamento vino-castagne, l’appuntamento è per il il 5 e il 6 novembre a Noci, in provincia di Bari.  "Bacco nelle gnostre: vino novello e caldarroste in sagra" è il titolo dell’a manifestazione che attira ogni anno migliaia di visitatori. Sulle tavolate imbandite del centro storico nocese (nelle caratteristiche ‘Gnostre’) faranno bella mostra vini novelli, caldarroste, formaggi freschi e stagionati, salumi, pane e olio d’oliva, tipici della Puglia.

 

Sontuosi banchetti a base di vino e castagne fino al 13 novembre anche a San Martino in Colle, in provincia di Perugia. E a San Zeno di Montagna, in provincia di Verona.

 

La castagna protagonista delle tavole autunnali, dunque. Utilizzata per la preparazione di numerose specialità gastronomiche, ottima abbinata a salumi, burro e latte di montagna, rappresenta anche l’ingrediente fondamentale di mille dolci squisiti come il tradizionale castagnaccio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close