AlpinismoAlta quota

Siulia Grande. Della Bordella e compagni costretti a cambiare via. Babicz si ritira

Dopo settimane di silenzio, dalle Ande peruviane arrivano notizie della squadra italiana impegnata al Siula Grande. Purtroppo, non positive.

Filip Babicz è costretto ad abbandonare la spedizione per problemi di salute. “Dopo 10 giorni di cure con l’antibiotico sto bene, ma abbiamo valutato che tornare in quota in un posto molto isolato, con il rischio di ricaduta sia troppo rischioso. Non solo per me ma potrebbe compromettere anche l’attività dei miei compagni di squadra” scrive l’alpinista rivolgendo il pensiero ai propri compagni di avventura ancora sul Siula Grande.

Ma anche per Matteo Della Bordella, Alessandro Zeni e Marco Majori le cose non stanno andando come previsto. “Una decisione difficile, ma unanime e senza rimpianti” sono le parole del Ragno di Lecco con cui annuncia la rinuncia al progetto di scalare la via che avevano in mente sulla parete est della montagna. Una via che corre lungo un enorme scudo di roccia, che però continua a scaricare sassi. Nulla però è perduto: “Nonostante la delusione abbiamo individuato una linea alternativa e riparata, dove la roccia sembra molto bella“. È qui che ora si muoveranno i tre alpinisti nei prossimi giorni. “L’impegno lassù è titanico, la montagna è un gigante e voi siete grandi!! Andate fortissimo”, l’augurio di Babicz ai compagni.

Tags

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close