FilmNews

DMAX sale in rifugio con una serie dedicata ai falegnami d’alta quota

Dal 9 marzo ore 21.25 arriva su DMAX la serie “Falegnami ad alta quota”, incentrata sulle attività dei Curzel, falegnami trentini specializzati in ristrutturazioni di rifugi ad alta quota e nella realizzazione di baite in bioedilizia.

Per oltre 6 mesi le troupe di DMAX hanno seguito il family business dei Curzel in alcune delle location più spettacolari del Trentino – Dolomiti di Brenta, Lagorai, Valsugana, Val dei Mocheni, Vigolana – per raccontare le sfide quotidiane dei fratelli Paolo e Giovanni che affrontano l’impossibile in costruzioni e ristrutturazioni ad alta quota, tra gli scenari meravigliosi delle Dolomiti trentine e dei suoi rifugi, con in testa una sola missione: costruire sempre più in alto.

Tra imprevisti, pericoli, tempi strettissimi, cambi improvvisi del meteo e rotazioni di elicotteri per il trasporto di materiali pesanti, con le loro spettacolari lavorazioni ad alta quota i falegnami Curzel faranno conoscere agli spettatori il loro mondo, fatto di sfide quotidiane oltre i limiti, con cantieri aperti ad altitudini uniche e gru montate in condizioni quasi inverosimili, su cui solo loro possono garantire il risultato! Senza dimenticare gli interventi di manutenzione e riparazione di vie ferrate e sentieri per alpinisti, che garantiscono la conservazione della vita in alta montagna.

“Falegnami ad alta quota” (6×60’) è una produzione originale EiE film per Discovery Italia, diretta da Katia Bernardi e realizzata con il sostegno della Trentino Film Commission. DMAX è visibile al Canale 52 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 170, 171 e Tivùsat Canale 28. La serie sarà disponibile in anteprima streaming su discovery+.

Trailer prima puntata

Nella prima puntata, dopo il durissimo inverno che ha ritardato i lavori, i fratelli Curzel devono riaprire il cantiere del leggendario rifugio Brentei a 2182 metri, con la rischiosa manovra del montaggio gru. Hanno solo tre mesi per terminare i lavori di ristrutturazione dell’intera struttura. Inoltre, Giovanni viene chiamato d’urgenza a ripulire dalla neve il pericoloso sentiero delle Bocchette, nel cuore delle Dolomiti.

“Ristrutturare il rifugio Brentei è una sfida contro il tempo – anticipa DMAX – dove l’esperienza non basta: ci vuole il sangue freddo”.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close