News

Il Nepal chiede sostegno economico all’India

immagine

KATHMANDU, Nepal — Dopo gli scioperi che hanno paralizzato il Paese, il Nepal è precipitato in una grave crisi economica. Nei giorni scorsi il premier Koirala è volato in India a chiedere sostegno economico per risollevare le sorti del Paese. Un sostegno da oltre un miliardo di dollari.

 

Oltre 75 miliardi di rupe, per cinque anni. E’Questa la richiesta degli stanziamenti avanzata dai nepalesi. "Questi fondi – afferma il premier – serviranno per soccorrere la popolazione e creare nuove infrastrutture fondamentali per il paese, come le strade". Secondo quanto riporta Asianews, alcuni funzionari del ministero delle Finanze indiano avrebbero detto che la proposta verrà presa in seria considerazione. Top secret per ora la contropartita chiesta dall’India. Non va dimenticato, però, che la somma supera di molto i 2 miliardi di rupi che l’India offre annualmente come contributo al Paese himalayano.

 
 

Sushil Sashank, analista politico di origine indiana, si dice invece pessimista: "Mi chiedo come possa l’India, che deve affrontare una sua crisi finanziaria, fornire fondi così sostanziosi al Nepal. Va poi considerato che gli attuali finanziamenti che New Delhi riconosce al Nepal superano di gran lunga quella degli altri paesi. Inoltre politici nepalesi, in modo particolare della corrente comunista, hanno accusato l’India di imperialismo. E i politici indiani non lo dimenticano".

 
 

L’analista sostiene che i maioisti avrebbero fatto pressioni sul nuovo governo nepalese affinchè chiedesse la liberazione di 137 guerriglieri carcerati in India. Macchiatisi – sempre secondo Sashank – di crimini compiuti in terra indiana.

 
 

Sono molte le opinioni favorevoli a un riavvicinamento tra i due paesi. Secondo Pramod Bihari Singh, presidente dell’Associazione per l’amicizia indo-nepalese (che ha sede in India), il governo di Nuova Dehli dovrebbe sostenere quello nepalese. Ma ad una condizione: Lo stop alle cpoltivazioni di marijuna, che – secondo Singh – verrebbe prodotta in Nepal sotto la protezione delle alte sfere.

 
 
Marco Chiodi 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close