News

Val d’Aosta: il ritorno dei lupi

immagine

AOSTA — Dopo molti avvistamenti, ormai è una certezza:il lupo è tornato in Val d’Aosta. Era da più di un secolo che il predatore era sparito dal territorio.

 

I risultati delle analisi sulle carcasse di alcune pecore sono arrivati dall’Università di Berna. E non ci sono più dubbi:"Il lupo è tornato. Non è il caso di fare allarmismo, anche se il problema non è da snobbare", ha affermato Paolo Oreiller, direttore del servizio Flora e fauna, dell’assessorato regionale all’agricoltura.

 
 

Agli allevatori e agricoltori del territorio si consiglia una custodia ed un controllo regolare dellle greggi, e l’utilizzo di cani maremmani o dei pirenei.

 
 

Secondo Oreiller, il lupo non formerebbe branchi stanziali, essendo troppo piccolo il "territorio di caccia". Tuttavia è possiubile imbattersi in individui di passaggio che stanziano solo per pochi mesi.

 
 

E pensare che il predatore era molto diffuso in Val d’Aosta fino alla fine dell’800. Da allora non si sono avute più notizie, fino alla recentissima scoperta.

 
 
Marco Chiodi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close