News

Courmayeur, frana dal Mont Chetif raggiunge le piste da sci. Le immagini

Una frana si è staccata nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 25 febbraio, dalle pendici del Mont Chetif (2343 m), nella zona del Plan Checrouit, nel comune di Courmayeur (AO). Il materiale roccioso è arrivato fino alle piste da sci dopo aver superato il pendio boscato.

Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta. Il distacco si è verificato attorno alle 17.30, a piste già chiuse. Roccia e terra hanno però causato danni ad alcune linee elettriche e strutture, tra cui il tapis roulant della pista ‘Baby’ di Plan Checrouit. I danni ammonterebbero ad alcune decine di migliaia di euro. Le piste interessate dallo smottamento sono state chiuse per precauzione.

“Vicino alla zona del crollo vi sono ristoranti – ha dichiarato a seguito dell’evento il vicesindaco di Courmayeur – ma da quanto mi è stato segnalato, non sussistono pericoli per residenti o turisti, quindi non si sono necessarie evacuazioni”.

Sul posto sono immediatamente intervenuti Corpo forestale, Protezione civile regionale e tecnici dell’Amministrazione comunale per mettere quanto prima in sicurezza l’area tra lo Chetif e Plan Checrouit. L’accesso all’area nei pressi della frana è vigilato inoltre dai Carabinieri.

Mille metri cubi di frana

Nella mattinata odierna è stato effettuato un sopralluogo da parte della Struttura attività geologiche della Regione, che ha portato ad una quantificazione del distacco. Si tratterebbe di un prisma tabulare di 800-1.000 metri cubi di volume. La neve ha agito da piano di scivolamento e la roccia è scivolata verso valle per oltre 150 metri. Non si esclude che a favorire il distacco siano state le alte temperature degli ultimi giorni, con un ciclico gelo e disgelo quotidiano.

Le raccomandazioni dei tecnici alla società che gestisce gli impianti, la Courmayeur Mont Blanc funivie, sono la immediata chiusura al pubblico dell’area coinvolta (provvedimento già in atto). E l’attuazione di uno studio sul versante roccioso per valutare eventuali interventi di mitigazione del rischio.

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close