AlpinismoAlta quota

Broad Peak: problemi polmonari per Bowie, si torna al campo base

Niente da fare nemmeno questa volta, anche il secondo tentativo di vetta del Broad Peak invernale va a vuoto. 

Urubko e Bowie avevano raggiunto ieri pomeriggio campo 2 (5800m), direttamente dal campo base, e questa mattina sono saliti fino a 7500 metri, quota fino a dove la via è fissata con corde, poi la decisione di rinunciare: Don è molto malato di polmoni scrive Denis via messaggio poco fa dalla tenda nel crepaccio a campo 3, 7000m.

Domani si scenderà a campo base e si aspetterà la finestra di bel tempo prevista dal 12 al 20 febbraio. C’è dispiacere da parte di Urubko e Bowie per la seconda possibilità andata a vuoto, ma, come scrive Denis: Mi sento bene e aspetterò il momento”. 

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Che non ti venga in mente di mollare Denis.
    oramai è tutto pronto

    Quando hai finito li passa un attimo sul K2.
    Se riesci a farlo in solitaria diventerai il piu’ grande di tutti. Sempre entro il 28 febbraio ovviamente

    1. Valuta sempre la fattibilità Denis, le storie devono essere raccontate non rimpiante. So che misuri le situazioni, continua!

    2. Quest’anno ha in pure un giorno in più, pensa te. Non sarebbe regolare, lo facesse, secondo le sue regole. Con tutto rispetto, è una buffonata la sua invenzione di inverno.

      1. Non è una buffonata

        Semplicemente l’inverno meteorologico dura dal 1 dicembre al 28 febbraio, mentre l’inverno astronomico dura dal 21 dicembre al 21 marzo

        Il primo, in genere, è il periodo più freddo anche se, in alcuni anni, vi sono delle eccezioni

        1. Non metto in dubbio. L’attuale periodo storico che stiamo vivendo, a mio parere, in cui le stagioni non rispecchiano più ne l’inverno astronomico ne soprattto quello metereologico, è un punto di riferimento davvero inutile. Se poi lui vuole farsi le proprie regole, già da qui capisci infondatezza del concetto. Visto però che questo è un anno bisestile, dovesse farcela (e glielo auguro perché è un alpinista stimabile!), Sarebbe un record omologabile? Da quale ente?

  2. Mmm.. Certo che, data la finestra temporale di bel tempo, anche nel più che ottimistico caso Denis dovesse raggiungere la cima già alla prima data utile, cioè il 12, mettiamo per assurdo pure che il 12 stesso sia al campo base del K2, a questo punto avrebbe sole due settimane e poco più per scalare il K2 nel pieno rispetto del suo calendario delle stagioni.. Certo per un fenomeno del suo calibro 16 giorni potrebbero forse anche bastare, persino che si parli di K2, ma dovrebbero essere tutti buoni, tutti sfruttabili. Ma onestamente non ricordo nel Karakorum due settimane ininterrotte di bel tempo, nemmeno in estate, figuriamoci in inverno, gregoriano o urubkiano che sia. Penso proprio che a questo punto anche quest’anno il ChogoRi non si concederà a nessuno, a meno che Denis non voglia ritornare sui suoi passi e rivedere le proprie tesi stagionali (ma non credo sia questo il caso), in questo caso spostando la deadline al 21 marzo evidentemente tornerebbe tutto nel novero delle probabilità possibili..

    Comunque un plauso a Denis in ogni caso, perché in quest’inverno obiettivamente un po’ piatto di spedizioni himalayane concrete (fondamentalmente oltre la sua solo quella all’Everest capitanata da Alex Txikon mi sembrano avere serie ambizioni di vetta) ancora una volta è lì a tenerci sulle spine con le sue arrampicate da fuoriclasse, e perché nonostante tutto ancora una volta si è dimostrato un grande uomo ancor prima che un grande alpinista. Ne abbiamo vista in passato di gente che ha continuato a salire lasciando indietro compagni di cordata, così come abbiamo visto Denis rinunciare alle proprie ambizioni personali in favore della vita di terzi. Chapeau.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close