• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata, Sport

Arrampicata sportiva: verso i giochi olimpici di Tokyo 2020 con Adam Ondra

La preparazione annuale di Adam Ondra si concentra 6 mesi sul boulder e 6 sull’arrampicata lead. E visto che le gare della Coppa del mondo boulder con il mese di giugno possono definirsi concluse, anche quest’anno ha inizio la fase 2.

L’episodio numero #19 di Adam Ondra: Road To Tokyo” ci accompagna in questa transizione da boulder a lead, portandoci ancora una volta a Innsbruck, “che è il posto migliore per allenarsi nell’arrampicata lead”. Una palestra eccezionale, dotata di innumerevoli tracciati complessi in parete.

Andiamo ad analizzare dunque le principali differenze tra queste due tipologie di arrampicata.

Prima di tutto l’efficienza: elemento essenziale nel lead, secondario nel boulder, in cui ci si concentra maggiormente sul movimento successivo da compiere piuttosto che sull’ottimizzare il consumo energetico per non sentirsi troppo stanchi nei movimenti a seguire. Il boulder è una tecnica esplosiva a confronto con il lead, che necessità di tecnica e resistenza.

Una differenza tra allenamento di boulder e di lead è che il lead fa male” – scherza Ondra, raccontando di quanto possano fare male le braccia al termine di una sessione in parete.

L’osservazione è un secondo elemento importante, soprattutto se si vuole salire a vista. Si guarda un tracciato, si analizzano le prese cercando di identificarne la corretta sequenza. Se si è abbastanza bravi da identificare i movimenti giusti, la sensazione che si prova arrampicando è di aver già tentato la via in precedenza.

E qualora non si avesse a disposizione una palestra dalle pareti immense come quella di Innsbruck? Il consiglio è di allenarsi in maniera circolare su pareti più basse.

L’Adam che tanto ci piace, quello che mette a nudo le sue debolezze, fa capolino anche in questa puntata, esprimendo la sua preoccupazione per il dolore al polso che gli impedisce di completare l’allenamento.

Ma niente panico! Ci sono ancora 4 settimane di tempo per prepararsi alla prima gara della Coppa del Mondo Lead.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.