• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Giordani e Della Bordella in partenza per il Pakistan

Maurizio Giordani e Matteo Della BordellaMaurizio Giordani e Matteo Della Bordella

Partiranno il prossimo 21 giugno Matteo Della Bordella e Maurizio Giordani alla volta del Pakistan. L’obiettivo? Per ora massimo riserbo da parte di entrambi. Le uniche informazioni che siamo riusciti a carpire parlano di un’area montuosa del Pakistan dove è molto difficile avere i permessi per scalare. Giordani, dopo averci provato per diverso tempo, è finalmente riuscito ad avere il via libera da parte del governo ed ha così iniziato a mettere su una squadra. Saranno 4 in tutto i partecipanti alla spedizione, tra questi anche il presidente dei Ragni di Lecco. “Inizialmente, quando me l’ha proposto, ho detto di no” ci racconta Matteo. “Poi, quando ho visto la foto della parete, ho cambiato idea e ho scelto di seguirlo” commenta ridendo.

Per Della Bordella questa sarà la seconda spedizione in Pakistan dopo l’esperienza del 2013 che l’ha visto impegnato con Luca Schiera e Silvan Schupbach nell’apertura di una nuova via sull’Uli Biaho (6019 m). Tantissime invece le spedizioni che hanno visto Giordani impegnato sulle montagne pakistane. Interessante come Maurizio, da poco sessantenne, nonostante la grande esperienza vissuta nel Paese delle mille e una notte continui a esplorare e a cercare nuovi obiettivi. “Andare in spedizione con lui mi emoziona particolarmente” ammette Matteo. “Da quando ho ripetuto le sue vie in Marmolada ha iniziato a crescere in me una grande ammirazione. Credo che sia uno dei più forti alpinisti della sua generazione e non vedo l’ora di legarmi con lui”.

Qualche altra informazione? Si tratta di una montagna inviolata “di grande interesse alpinistico in ambiente d’alta quota”. Per ulteriori dettagli dovremo aspettare fine luglio, con il rientro della spedizione dato che il gruppo ha “scelto di non comunicare”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.