• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

K2 e Nanga Parbat in inverno. È finita la stagione

alpinismo, k2, nanga parbat, invernali

I russi-kazaki-kirghisi, partiti a inizio gennaio (i tre rimpiazzi a metà febbraio), al K2 non sono andati meglio dei loro predecessori: hanno messo il naso sulla spalla, fino a 7.500 m, e si son ritirati in buon ordine piallati dal vento costante e dal freddo. Tre campi, un po’ su e un po’ giù rispetto agli originali estivi, corde fisse e niente ossigeno. Niente condivisione, ma competizione con l’altro inquilino invernale del K2, Alex Txikon (lì con due compatrioti, tre polacchi e cinque sherpa) che prima ha faticato a trovare la sua via e poi, quando pensava di condividere lo Sperone Abruzzi con l’armata russa, s’è sentito urlare in faccio un sonoro “niet”.

E dunque il K2 vergine invernale, la gran becca del Karakorum, rimane lì, simbolo e tentazione per nuovi competitor o per gli stessi che si ostineranno nell’inverno prossimo. Alex ci tornerà, ne sono sicuro.

Tecnicamente viene ancora una volta dimostrato che una salita complessa come questa necessita di scelte chiare per essere superata. Un poderoso “esercito” alpinistico con piani di “conquista” precisi e rigorosi è una possibilità demodé quanto si vuole, ma visto che in amore e in guerra (alcuni sostengono anche in alpinismo) tutto è lecito, ci sta. Ma i russi-kazki-kirghisi hanno perso mezza squadra prima della partenza da Mosca, poi hanno anche loro fatto più proclami di ardimento e tentativi, che progressi verso la parte terminale del K2, piazzando almeno campo 4. Il problema alpinistico, tecnico e psicologico, sta lì d’estate, figuriamoci d’inverno. E poi la scoperta della comunicazione diffusa, del crowfunding internazionale, forse qualche distrazione l’ha provocata. Do svidaniya.

Alex Txikon in qualche modo lo aveva annunciato che per salire il K2 in inverno bisogna prima metterci il naso capire, infilarsi in un processo di assimilazione della montagna. Così ha fatto. Il soccorso al Nanga Parbat, i 10 giorni dedicati a Nardi e Ballard non sono stati facili dal punto di vista emotivo e tantomeno della forma fisica. Alex è un energetico e un entusiasta ma pensarlo subito pronto a riprendere la corsa sul K2 forse era troppo. Ci penserà. La montagna rimane lì, immacolata nella sua veste invernale. Credo Alex ora abbia tutti gli elementi per pensare ad un tentativo con qualche possibilità in più.

Nanga Parbat. Questo è qualcosa che non avrei voluto scrivere. Ho un pessimo rapporto con il Nanga Parbat: la vicenda di Karl Unterkircher, poi quella di Elisabeth e Tomek e ora Daniele e Tom. Era talmente illogico che quasi ci avevo creduto. Avevo pensato che a volte i sogni si realizzano e che l’esperienza di Daniele, ancora una volta ostinatamente su quella parete, su quella montagna, con l’energia prorompente di Tom, la sua voglia di imprese alpinistiche al di fuori degli schemi competitivi, questa volta potesse avere la meglio. Invece no. Scriverò, forse tra un mese o più, di quel che tecnicamente penso. Non ora.

Un giorno poi, vorrei scrivere anche di questa esperienza di lontano soccorritore telefonico, scaraventato dentro le convulse e drammatiche esperienze che si svolgono a migliaia di chilometri, a quote altissime, dentro atmosfere siderali e paradossi del clima e dell’uomo alpinista.

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. Arrenderò i Suoi scritti, sia sul triste ed ennesimo tragico epilogo di quello che è successo sul Nanga questo inverno, sia quello riguardante la sua esperienza e preziosissimo aiuto di come Lei si definisce “ soccorritore telefonico”.

  2. Visto l’esisto negativo al K2, proporrei un’approccio in stile alpino con squadre composte da 2 alpinisti. Prima acclimatamento su un’altra montagna e poi alla prima finestra di bel tempo si fa il tentativo buono. Tutta la logistica attorno i campi rallenta pesantemente la spedizione e non permette di sfruttare le poche finestre di bel tempo

  3. L’anno scorso la via del povero Tomek fu esaltata, anche se non fece ritorno.
    Non ho mai capito questa esaltazione e mai la capirò

    Se Alex fosse salito in vetta ma non fosse tornato saremmo qui a parlare di cosa? di una grande impresa?

    Cordialmente

  4. Complimenti Da Polenza per questo articolo che ha riassunto questo strano e triste inverno su 2 dei piu iconici ottomila. Attendo le sue, sicuramente interessantissime, considerazioni sulle vicende del nanga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.