AlpinismoStoria dell'alpinismo

Buon 50° compleanno a Marianne Chapuisat, la prima donna a scalare un 8000 in inverno

Il 17 gennaio l’alpinista svizzera Marianne Chapuisat ha compiuto 50 anni. Una donna entrata nella storia dell’alpinismo per essere stata la prima a scalare un ottomila in inverno, conquistando il 10 febbraio 1993 la vetta del Cho Oyu (8201 m).

Marianne nasce come insegnante di francese e di educazione fisica e non come alpinista professionista. Nella sua vita non ha mai scalato a tempo pieno ma ha vissuto la montagna come una passione.

La sua carriera alpinistica internazionale la vede protagonista nel 1991, a soli 22 anni, della salita del monte Acocangua (6960 m). La prima spedizione su un Ottomila arriva due anni più tardi quando si innamora di un giovane argentino diretto al Cho Oyu e decide di seguirlo nonostante la sua inesperienza su quote così elevate.

Arrivati in Nepal, si uniscono alla spedizione andalusa di Lolo González. Dopo essersi divisi in due gruppi, quattro di loro (Lolo González, Fernando Guerra,  Manuel Morales  e Manuel Salazar) arrivano in vetta l’8 febbraio, il secondo gruppo costituito da Marianne Chapuisat, Luis Arbues e Miguel Angel Sanchez arriva due giorni dopo.

Marianne dichiarerà di aver realizzato quell’impresa con la fortuna del principiante e che, a ricordare il grande freddo patito, non sarebbe stata in grado di ripetere l’esperienza. E in effetti non la si vede più su un Ottomila fino al 2000, quando tenta di salire l’Everest lungo la via normale della parete Sud fino a 8.600 metri.

Nell’estate del 2003 sale il Gasherbrum II (8.035 m) e Gasherbrum I (8.068 m) e due anni più tardi arriva in vetta al Nanga Parbat (8.125 m).

Ricordando un’espressione usata da Reinhold Messner in apertura della serata dedicata all’alpinismo femminile, nel corso dell’edizione 2014 del Trento Film Festival, le donne arrivano in alto a volte per caso, e spesso quando sono in coppia con un uomo. Forse se Marianne non avesse inseguito il suo amore nell’inverno del 1993 oggi non saremmo qui ad augurarle buon compleanno!

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Brava , anzi bravissima! al di là di ciò che asserisce il solito profeta Messner…

    Noto forse un errore.. .la foto di vetta non è il Cho Oyu ma forse il Nanga Parbat??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close