News

A Milano la Yosemite Valley, dove la libertà non ha prezzo

Tra i luoghi-mito degli Stati Uniti – come Hollywood, la Route 66, la Monument Valley di John Wayne e il Kennedy Space Center di Cape Canaveral – occupa un posto di primo piano la Yosemite Valley in California, tra i primi parchi nazionali al mondo e culla universale dell’arrampicata libera.

Il free-climbing è nato qui, sugli specchi di granito di El Capitan o dell’Halfe Dome, o sui massi erratici del fondovalle, tutt’intorno al Camp IV, leggendario campeggio degli arrampicatori-hippie di fine anni Settanta.

Una serata eccezionale del ciclo “Le grandi montagne del mondo”, realizzata da Meridiani Montagne, che ci porta nel clima surreale e vertiginoso della “Valley”, con una serie di filmati mozzafiato, ricostruzioni storiche, e il racconto delle ultimissime imprese arrampicatorie da parte di Marco Albino Ferrari.

Appuntamento martedì 13 febbraio, ore 21.15, Spazio Oberdan, Milano. 

Tags

Articoli correlati

Un commento

  1. Siete sempre vittime di mitografie americane:l’arrampicata libera è nata in dolomiti e a Fontainbleu si scalavano massi già negil anni 30,le grandi vie dello Yosemite,poi,sono state salite negli anni 70 in artificiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close