Alpinismo

Lutto nei Ragni: scomparso Claudio Corti

immagine

LECCO — Se n’è andato, il prigioniero dell’Eiger. Claudio Corti, Ragno di Lecco e protagonista di una delle più tragiche e discusse salite alla Nord dell’Eiger, si è spento questa notte all’ospedale di Lecco, dove era ricoverato da alcuni giorni in condizioni piuttosto gravi.

Corti, noto anche con il soprannome di "Marna", aveva 81 anni. I suoi funerali si terranno domani, 5 febbraio, alle 15 a Olginate, il suo paese natale.

Corti era entrato nei Ragni agli albori del Gruppo, ai tempi di Cassin e Carlo Mauri. Ed è drammaticamente passato alla storia per il tragico tentativo alla nord dell’Eiger compiuto nel 1957 con Stefano Longhi. Quell’estate, Corti e Longhi partirono di nascosto per tentare la prima italiana sull’Eiger, che si trasformò in un incubo. La cordata venne investita dalla bufera, Longhi morì in parete, Corti venne colpito da una scarica di sassi e poi abbandonato dai due tedeschi che si erano uniti alla sua cordata e poi scomparvero nel nulla.

Corti fu l’unico sopravvissuto, salvato in extremis da una colossale operazione di soccorso di cui parlarono i giornali di tutta Europa, e poi venne accusato di essere il colpevole della morte dei tedeschi e di Stefano Longhi. Solo due anni dopo il ritrovamento dei corpi dei tedeschi lo scagionò, ma le accuse infamanti, diffuse con un libro da Henrich Harrer, avevano segnato per sempre la sua immagine che venne riabilitata solo ultimamente anche grazie al libro "Prigioniero dell’Eiger" scritto da Giorgio Spreafico, che raccoglie le ultime memorie di Corti.

"E’ per questa ragione qui che arrampichiamo – racconta Corti in quel libro. -, per buttarci dietro tutto, per lasciare a casa i pensieri. Qualche volta me l’hanno ance chiesto: tu per staccare ti metti nei guai, vai a infilarti in tutti quei rischi lì? Eh, è una storia troppo lunga. Mica posso star qui a raccontare la rava e la fava, adesso: ho da fare. Fate un giro in Grigna, magari, fatelo una domenica. Guardate un po’ intorno e capirete tante cose anche da soli".

In calce, riportiamo una videointervista a Claudio Corti pubblicata su You Tube da Modisca (Montagne di scatti), un database che raccoglie foto, documenti, filmati, interviste di personaggi dell’alpinismo lombardo.

Sara Sottocornola

Per maggiori informazioni sul progetto Modisca, http://www.modisca.it.

Related links:
Prigioniero dell’Eiger: la parola a Claudio Corti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close