News

Cartelli in tedesco: il 75% è illegale

immagine

BOLZANO — Tre cartelli su quattro sono illegali, perchè non rispettano le norme esistenti sul bilinguismo. E’ questo il risultato del sopralluogo compiuto da Carabinieri e Forestale sui sentieri altoatesini, dove nei mesi scorsi l’Alpenverein ha installato una nuova segnaletica travolta da aspre polemiche perchè scritta soltanto in lingua tedesca.

La verifica, di cui è stato fornito rapporto nei giorni scorsi, era stata commissionata dalla Procura della Repubblica di Bolzano. Il confronto tra la toponomastica "corretta" e quella installata sui sentieri è stata fatta basandosi sui documenti ufficiali dell’Istituto Geografico Militare, acquisiti dalla Digos su richiesta della procura altoatesina all’inizio dell’inchiesta.

Secondo quanto riferito dal quotidiano Alto Adige, dalla verifica sul campo è emerso che il 75 per cento dei cartelli è fuori legge, perchè il toponimo italiano è stato cancellato arbitrariamente. Un risultato allarmante, che sicuramente avrà presto un seguito.

Ora, infatti, è caccia alle responsabilità per stabilire chi dovrà riparare al danno. Con ogni probabilità, tra i prossimi passi dell’inchiesta ci saranno anche le verifiche sui soldi pubblici spesi per installare quei cartelli, provenienti dalla Provincia di Bolzano, dallo Stato e dall’Unione Europea.

Sara Sottocornola 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close