• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Lhotse parete sud: niente da fare per il coreano Sung Taek

In parete @ Facebook Pioneer Adventure Treks & Expedition

Niente da fare per coreano Sung Taek Hong e lo spagnolo Jorge Egocheaga. Anche il secondo tentativo alla parete sud del Lhotse è fallito. Lakpa Sherpa, direttore di “Pioneer Adventure Treks & Expedition” ha fatto sapere su Instagram che sono riusciti a rientrare al campo base in sicurezza. Si attendono ancora le spiegazioni dai coreani sul perché siano dovuti tornare indietro. 

Tuttavia sembrerebbe che anche questa volta la causa sia da imputare alle cattive condizioni meteo. Nel primo tentativo di vetta, tre settimane fa, erano riusciti ad arrivare a Campo 4 a 8.250 metri ma erano stati costretti a ritirarsi a causa del vento forte. Il secondo tentativo dovrebbe essere definitivamente l’ultimo. 

Per Sung Taek Hong sarebbe il quinto tentativo alla parete sud del Lhotse e il sesto alla quarta montagna più alta del mondo. Nel 2013 aveva tentato infatti di raggiungere la cime in solitaria dalla via normale. Il 50enne coreano ha raggiunto nel 2005 i tre poli della terra raggiungendo il Polo nord. Nel 1994 e nel 1997 arrivò al Polo sud mentre nell’autunno del 1995 raggiunse il cosiddetto terzo polo: la cima dell’Everest. 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.