News

Frana nell'Hunza Valley: morti e dispersi

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Decine fra morti e dispersi, case distrutte, millecinquecento persone sfollate e ventiduemila isolate nei villaggi di montagna più alti. Questo il bilancio della disastrosa frana che nei giorni scorsi ha colpito la valle degli Hunza, in Karakorum. Ma non è finita: l’enorme massa di detriti è finita nel fiume, bloccando il corso e creando una diga artificiale che minaccia la Karakorum Highway e la parte inferiore della valle.

La frana è scesa lunedì scorso dalle montagne della zona di Attabad, vicino a Karimabad, considerata la capitale dell’Hunza Valley, non lontano da Rakaposhi. Ha distrutto almeno 40 case e diverse strade. I detriti sono stati trascinati fino al fiume Hunza, il cui letto è stato completamente invaso: si è creata un’enorme diga artificiale che ora minaccia i villaggi della zona e la celebre Karakorum Highway: il livello dell’acqua saliva, nei giorni scorsi, di circa un metro e mezzo ogni giorno.

Terribile il bilancio delle vittime. Attualmente sono stati recuperati 13 corpi, tra cui 7 bambini e 4 donne. Sette i i dispersi. I feriti si contano a dozzine mentre sono ben millecinquecento le persone che hanno dovuto lasciare le loro case ad Attabad e nei villaggi vicini, perchè l’esteso movimento del terreno ha causato danni strutturali alle case.

Le autorità hanno subito dichiarato lo stato di emergenza e inviato l’esercito con diverse squadre di soccorso ad estrarre dalle macerie i travolti e prestare aiuto ai sopravvissuti. Oggi, a sette giorni dalla frana, sono ancora oltre una decina i dispersi, ma le speranze di trovarli vivi sono ormai ridotte al lumicino.

La situazione per i sopravvissuti è drammatica. Agenzie governative, Aga Khan Foundation, Focus altre Ngo si stanno prodigando per allestire tendopoli e aiutare gli sfollati. La frana ha danneggiato un tratto di due chilometri della Karakoram Highway, nella diramazione che da Gilgit sale verso il confine cinese. Il passo di confine, d’inverno, è comunque chiuso al transito, ma la parte superiore, quella di Gojal, dei villaggi di Passu, Shimshal e tutta l’alta valle Hunza, è completamente isolata. Lassù vivono oltre ventimila persone che ora dipendono da rifornimenti arei per cibo, medicine e altri generi di sopravvivenza. Si parla di sei mesi prima che la strada possa riaprire: quel tratto è anche minacciato di essere inondato dal crescente livello dell’acqua intrappolata nella diga creata dalla frana.

Squadre di ingegneri dell’esercito, del Water and Power Development Authority e della National Highway Authority sono al lavoro per trovare una soluzione. Nel frattempo, le persone che devono spostarsi su e giù per la valle si scambiano i veicoli rimasti bloccati da una parte e dall’altra della frana, che viene attraversata a piedi. Nessun danno ha subito l’altro tratto della Karakorum Highway, quello più conosciuto, che da Gilgit sale verso Skardu e la zona del K2.

"La storia recente non ha mai visto una tale una catastrofe nella valle degli Hunza o nel Gilgit Baltistan" riporta la stampa pakistana. Nella zona sono accorse tutte le autorità locali e politiche della zona, più Nazir Sabir, presidente del club alpino pakistano, che sta coordinando una parte degli aiuti.

Guarda il video della frana

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close