News

India, valanga uccide due alpinisti

immagine

GANGTOK, India — Tragico incidente sulle montagne del Sikkim occidentale, nell’Himalaya Indiano. Qualche giorno fa, un’enorme valanga si è staccata dalle pendici di un seimila della zona, travolgendo un gruppo di alpinisti indiani. Secondo le prime informazioni, i morti sarebbero due: il capospedizione e un altro alpinista la cui identità non è ancora stata divulgata.

Secondo quanto riferito dalla testata "Voice of Sikkim", l’incidente sarebbe avvenuto lunedì scorso. I quattro componenti della Mumbai expedition, insieme a due sherpa, avevano toccato quella mattina la cima del Thingchinkhang peak, 6.010 metri. Nel pomeriggio, durante la discesa, più o meno a quota 5.400 metri, sono stati travolti dalla valanga.

Stando alle prime indiscrezioni, pare che Mangesh Despande, il capospedizione, sia stato inghiottito dalla neve, mentre la seconda vittima sarebbe morta in seguito alle ferite riportate. La dinamica della tragedia, tuttavia, non è ancora stata chiarita perchè l’incidente è avvenuto in una zona molto remota, dove tra l’altro imperversa il maltempo: gli elicotteri dell’Indian Air Force, chiamati per il soccorso, hanno tentato per diversi giorni di raggiungere la montagna per recuperare i sopravvissuti, ma senza successo.

A dare l’allarme è stato uno dei portatori della spedizione, che ha assistito alla scena dal campo base e poi è corso al villaggio più vicino per chiedere aiuto. I feriti sono stati recuperati da una pattuglia di soccorso appiedata, che li ha trasportati al campo base e poi, vista l’impossibilità del recupero in volo, ha organizzato anche il trasporto al centro medico più vicino. Al momento, i soccorritori stanno verificando la possibilità di recuperare i corpi delle vittime.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close