Turismo

Sci gratis in aereo? Solo con la Swiss

immagine

BERNA, Svizzera — Niente più sci gratis in aereo per i passeggeri della British Airways. La compagnia di bandiera inglese ha annunciato nei giorni scorsi di aver dovuto mettere una tassa per il trasporto dell’attrezzatura invernale a causa della crisi economica. "Solo da noi continuerà ad essere gratuito" ha dichiarato la Swiss Airlines, che ha voluto rassicurare i turisti in arrivo per la stagione invernale.

Il problema riguarda per ora i turisti inglesi, ma è sintomatico dall’andamento del turismo alpino. Fino a ieri, sia la British che la Swiss consentivano ai turisti inglesi di trasportare gratuitamente gli sci, oltre al normale bagaglio di 20 chili, sui voli diretti in Svizzera.
 
I tempi duri, però, hanno costretto la British ad adeguarsi a tutte le altre compagnie aree, che invece applicano una maggiorazione che va dalle 17 alle 50 sterline. Facendo due calcoli, si tratta di quasi 400 sterline in più per famiglie di 4 persone. Un importo che, coi tempi che corrono, potrebbe fare la differenza.

Ma i turisti non devono disperare. La Swiss Air, infatti, non ha intenzione di seguire quest’esempio. "Noi vogliamo offrire ogni supporto agli appassionati di sci – ha dichiarato ieri Gregor Koncilja, dirigente Swiss -. Ci consideriamo la compagnia degli sciatori, grazie ai 29 voli giornalieri che partono dal Regno Unito verso la svizzera, e per noi è essenziale offrire loro il miglior servizio possibile, soprattutto in questo periodo nel quale le settimane bianche sono a rischio".

Altre compagnie, comunque, stanno approfittando del passo indietro fatto dalla British. Per esempio la Ryanair: poco dopo l’annuncio della compagnia di bandiera, ha lanciato una promozione per cui i primi 10mila passeggeri che avrebbero prenotato un volo diretto sulle Alpi avrebbero avuto gratis il trasporto degli sci o dello snowboard. La Easyjet, invece, offre ai suoi passeggeri la possibilità di organizzarsi la vacanza sul proprio sito, prenotando soggiorni, noleggi e trasferimenti.
 

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close