News

Capire il clima col Cnr: scuole sul Cimone

immagine

BOLOGNA  — Imparare il clima con una avventurosa passeggiata in montagna. Sono giorni densi di attività questi per il Sentiero dell’Atmosfera del Monte Cimone, gioiello dell’Isac Cnr nel cuore dell’Appennino. Decine di scuole stanno visitando il celebre luogo di monitoraggio d’alta quota italiano, sede di una delle stazioni Share, il noto progetto di monitoraggio climatico del Comitato EvK2Cnr che comprende una rete mondiale di osservatori per il monitoraggio climatico e ambientale in collaborazione con Unep, Wmo, Nasa, Esa e Iucn.

Circa 50-60 ragazzi al giorno, delle scuole medie e delle scuole superiori, visitano il Laboratorio che sorge in vetta al Cimone, a 2.165 metri, la più elevata cima dell’Appennino settentrionale. Partono da Pian Cavallaro e, accompagnati da una guida escursionistica ambientale, superano un dislivello di circa 300 metri: circa un’ora di camminata con educazione ambientale sul campo grazie ai 10 pannelli informativi disseminati sul sentiero che parlano di cambiamenti climatici, ghiacciai, acqua, atmosfera, trasporti di inquinanti e altro ancora. 

In cima, nella sede dell’ex-rifugio Romualdi del Cai, sorge il laboratorio “Ottavio Vittori” dell’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del Cnr.  Lassù i ragazzi trovano ricercatori del Cnr, con i quali visitano i 4 laboratori del Cimone e osservano in pratica come “si fanno” le misure del clima, dell’ozono, del black carbon e di altri fattori che hanno conosciuto sul piano teorico durante la salita. E vedono con i loro occhi la risposta che la scienza cerca di dare ai problemi del clima e dell’atmosfera che oggi sono tanto attuali.

La strumentazione del Cnr, da quella sede, osserva un’ampia zona che va dalla pianura Padana agli Appennini, e rileva gli inquinanti atmosferici ed i principali gas serra inclusi nel protocollo di Kyoto, fornendo preziosi dati climatici ai maggiori programmi ambientali internazionali.

La stazione del Cnr è ospitata dal Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare, che sul Cimone gestisce un osservatorio meteorologico dal lontano 1937 e un laboratorio di telecomunicazioni oltre a diversi ponti radio.

Nelle foto in calce, alcune immagini del sentiero e delle scuole in visita, alcune delle quali tratte dalla webcam del laboratorio di ricerca “Ottavio Vittori” dello scorso 29 ottobre, mentre Paolo Cristofanelli, Angela Marinoni e Rocco Duchi, ricercatori del Cnr Isac impegnati anche nelle ricerche svolte in Nepal presso il Laboratorio Piramide, incontrano i ragazzi delle scuole.

Il Sentiero dell’atmosfera al monte Cimone, inaugurato nel 2004, è sede di molte visite didattiche sia in questa stagione che in primavera.


Per informazioni http://www.sentieroatmosfera.it/scuole.html



Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close