News

Gli orsi invadono Aspen

immagine

ASPEN, Stati Uniti — Aspen è invasa dagli orsi. La celebre località americana di montagna è infatti assediata da un mese da circa 200 plantigradi che, non riuscendo a trovare cibo a sufficienza nei boschi, necessario al letargo invernale, si sono spinti nell’abitato. Hanno saccheggiato le ville dei ricchi, i ristoranti e i negozi del centro. Alcune persone sono rimaste ferite, e le autorità hanno dichiarato lo stato d’emergenza.

Vagano per le strade di Aspen entrando in tutti i negozi in cui pensano di trovare cibo. Scavalcano cancelli, divelgono sistemi di sicurezza, abbattono barriere, saccheggiano ristoranti e ville lussuose. Sono circa 200 gli orsi che da più di un mese tengono sotto scacco la ricca cittadina del Colorado.

La ragione dell’invasione deriva dalla scarsità di bacche e cibo che costringe i plantigradi ad abbandonare in massa i boschi e a scendere in città per fare scorta di cibo. L’inverno alle porte infatti, fa crescere negli animali la necessità di procurarsi alimenti da consumare durante il letarego. Ed è quindi la fame e l’istinto a spingerli tra gli uomini: due forze potentissime che rendono gli orsi neri, tendenzialmente poco aggressivi, altamente pericolosi.

"Vedere un orso nero da queste parti non è una novità – spiega Randy Hampton, responsabile della divisione Wildlife del Colorado -, ogni anno qualcuno perde la bussola e ce lo ritroviamo per strada. Quest’anno però siamo di fronte a una vera e propria invasione". Per l’esattezza circa 200 esemplari contro i 16 orsi dell’intero 2008.

"In genere non sono aggressivi – continua Hampton -, ma in quelle condizioni diventano pericolosi". E così i bersagli preferiti divengono ristoranti d’alta cucina e lussuose ville, ricche di scorte alimentari. Come quella dal valore di 27,5 milioni di dollari che, nonostante i più sofisticati sistemi di allarme, è stata ridotta a un cumolo di mobili devastati. Secondo quanto riferiscono le cronache locali infatti, gli orsi sarebbero stati attratti da formaggi, yogurt, miele e marmellate. Così avrebbero sfondato i cancelli e sradicato il frigorifero dal muro.

Una storia al limite del romanzesco, se non fosse che oltre alle proprietà distrutte ci sarebbero anche persone ferite. Le autorità hanno dichiarato l’emergenza e mobilitato tutte le forze disponibili. Hanno piazzato trappole per catturare ed uccidere gli orsi, che però ormai si sarebbero resi esperti dalla convivenza con l’uomo, e avrebbero quindi imparato a mangiare l’esca senza far scattare il meccanismo.

La polizia ha poi distribuito ai cittadini di Aspen un vademecum di sopravvivenza. In caso di incontro con l’orso raccomandano di non urlare e non scappare, ma indietreggiare lentamente e fermarsi se l’animale si agita. Di mettersi di fianco per sembrare più piccoli e non mostrare parti del corpo nude, gettare qualcosa per distrarlo, ma non cibo, e tenere qualcosa in mano per difendersi in caso di aggressione. Di portare con sé uno spray al peperoncino e, se attaccati, gettarsi a terra proni o in posizione fetale, stando attenti a coprire il collo. Per chi volesse attaccare l’orso prima di essere attaccato, raccomandano di lanciare in fretta qualsiasi cosa si abbia a portata di mano, al fine di sorprendere l’animale con una certa freddezza.

Valentina d’Angella

Foto courtesy of CNN

                             

   

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close