Cronaca

Tredicimila litri di gasolio nel lago di Valle

immagine

VALLESINA, Belluno — Tredicimila litri di carburante rovesciati sulla statale 51, di cui buona parte potrebbero essere finiti nel Lago di Valle e nel torrente vicino. Si rischiano seri danni all’ambientale nelle Dolomiti bellunesi, dopo che un’autocisterna carica di gasolio si è rovesciata sulla strada martedì scorso. Ora si attende il responso dei tecnici, che stabiliranno quanto materiale inquinante è effettivamente finito nelle acque.

L’autocisterna si è rovesciata martedì mattina sulla strada Alemagna all’altezza di Vallesina. I vigili del fuoco di Belluno hanno travasato in un’altra cisterna il carburante rimasto e rimesso in asse il camion che si era capovolto. Le operazioni di bonifica sono durate circa 10 ore, con pesanti conseguenze sul traffico, visto che la statale 51 è un’arteria importantissima che collega le valli bellunesi con quelle altoatesine.

Ma quello che adesso preoccupa davvero, sono i danni provocati all’ambiente. Dall’autocisterna infatti, si sono rovesciati complessivamente circa 13mila litri di diesel e 200 o 300 litri di benzina. Non è ancora possibile stabilire però quanto carburante sia effettivamente finito nel sottostante lago di Valle, alimentato dal torrente Vallesina, e che a sua volta si immette nel torrente Boite.

L’incidente è accaduto martedì, alle 7.45 del mattino ma ancora oggi non si hanno notizia dei risultati degli accertamenti sulla diffusione degli inquinanti. Secondo le prime ipotesi a provocare il rovesciamento dell’autocisterna sarebbe stato uno sbilanciamento nel carico e una velocità non adeguata al mezzo e alla strada.

Martedì sera intorno alle 18 la statale 51 e stata riaperta con circolazione a senso unico alternato. Fortunatamente nell’incidente non sono rimasti coinvolti altri mezzi, e anche l’autista del tir non ha riportato ferite gravi, ma solo una frattura al braccio.

Nel frattempo il caso è approdato alla procura di Belluno che indaga sui fatti. L’ipotesi di reato che si potrebbe profilare è quella di disastro ambientale, ma dipenderà dai risultati dei rilevamenti eseguiti dai tecnici dell’Arpav.

Valentina d’Angella

Foto courtesy of Il Gazzettino.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close