News

Everest, muore nel trekking al base

immagine

KATHMANDU, Nepal — Vedi l’Everest e poi muori. Si è tristemente avverata, questa celebre frase, per il chirurgo americano Greg Mathew. L’uomo, 61 anni, ha voluto arrivare al campo base nonostante evidenti sintomi di mal di montagna e purtroppo le sue condizioni si sono aggravate a tal punto che non è stato più possibile salvarlo.

Voleva vedere l’Everest e il campo base con i propri occhi: era il sogno di una vita. Perciò Mathew aveva organizzato il trekking in Tibet insieme alla moglie, con la quale aveva affrontato molti viaggi intorno al mondo e con cui l’anno scorso aveva salito il Kilimajaro.

Partiti a fine maggio, i due hanno visitato molte zone del Tibet e fatto un trekking al Kailash prima di arrivare al campo base dell’Everest. Qui, però Mathew ha iniziato ad avvertire i sintomi del mal di montagna, di cui aveva già sofferto al Kilimanjaro. Preoccupati, i compagni di viaggio gli hanno consigliato di scendere immediatamente, ma lui, secondo quanto riferito dalla stampa, si è rifiutato di farlo.

Il giorno dopo, la situazione è precipitata. Il chirurgo si è sentito male e, nonostante la tremenda corsa in jeep di 10 ore fino all’ospedale, è deceduto per edema cerebrale e polmonare.

"Sono ancora scioccata dall’accaduto – ha detto la moglie che dopo aver sbrigato le pratiche in Tibet è ritornata negli Usa -. Ma mi conforta il ricordo di come sorrideva Greg nei giorni passati all’Everest. Mi sono resa conto che stava facendo esattamente quello che voleva".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close