Alpinismo

Cho Oyu: alpinista muore in doppia

immagine

LHASA, Cina — Ha voluto compiere un estremo tentativo per raggiungere la vetta. Ce l’ha fatta: ma durante la discesa ha perso la vita.  Questa la tragica sorte di Dennis Verhoeve, alpinista olandese morto nei giorni scorsi sulle pendici del Cho Oyu, gigante tibetano di 8.201 metri.

L’alpinista, 52 anni, faceva parte dell’ultima spedizione rimasta ai piedi della montagna, ormai abbandonata da tutti per il sopraggiungere dei monsoni. La notizia della sua morte, avvenuta la settimana scorsa, è stata data dal capospedizione Rene de Bos, fondatore della Snow Leopard Adventures tour, e confermata da un portavoce del Ministero degli affari esteri olandese.

Il suo team aveva voluto fare un ultimo tentativo all’inizio di giugno, approfittando di una breve finestra di bel tempo. E’ andato bene: Verhoeve è arrivato in vetta il 2 giugno con i compagni Jan van den Bos e Marlies Neefjes, e con gli sherpa Dawa Sherpa, Pasang Sherpa e Dorji Sherpa. Purtroppo, durante la discesa è accaduto il tragico incidente.

Secondo quanto riferito dal capospedizione, Verhoeve è precipitato durante una manovra in corda doppia, mentre scendeva dalla via normale, poco sopra campo 3. I suoi compagni di scalata, invece, sono rientrati al campo base incolumi.

Sara Sottocornola

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close