RifugiSicurezza in montagna

Aperte le iscrizioni per il corso di formazione del CAI dedicato ai rifugisti

Dopo il successo della prima edizione, torna il corso di formazione “Conoscere le problematiche igienico sanitarie e l’utilizzo in emergenza del defibrillatore semiautomatico”. Totalmente gratuito, è organizzato per i gestori dei rifugi CAI e non solo, con l’obiettivo di fornire competenze che agevolino e semplifichino la professione dei rifugisti secondo gli ultimi dettami delle leggi nazionali e regionali. Il progetto è un’iniziativa del CAI Regione Lombardia, finanziata dal CAI Nazionale e dal CAI Regione Lombardia e organizzata dalla Commissione Rifugi ed Opere Alpine e dalla Commissione medica del CAI Lombardia.

Il primo corso formativo per i rifugisti si è svolto in Valsassina tra novembre e dicembre 2016: le iscrizioni, provenienti da diverse regioni d’Italia, sono arrivare numerosissime, tanto che non è stato possibile accoglierle tutte. Anche per questo il CAI Lombardia ha voluto organizzare una seconda edizione, che si terrà questa volta in Valcamonica, a Capo di Ponte, in provincia di Brescia. 

Come nella prima edizione, il corso sarà diviso in due moduli indipendenti, per un totale di 3 giornate di studio che si terranno tra febbraio e marzo 2017 tutte e tre presso l’Auditorium Cittadella della Cultura (Via Guglielmo Marconi 2, Capo di Ponte).

Il primo modulo si terrà sabato 18 febbraio in un’unica giornata e tratterà le Tematiche igieniche sanitarie relative alla somministrazione di cibi e bevande nei rifugi.

Il secondo modulo è “Emergenze sanitarie nei rifugi alpini e Basic Life Support and Defibrillation” (BLSD), diviso in due giornate di lezioni pratiche (sabato 4 marzo e sabato 11 marzo)., 

Il corso è aperto a tutti: gestori dei rifugi CAI, dei rifugi privati, ma anche a chi rifugista non è e semplicemente ambirebbe diventarlo. I rifugisti possono iscriversi a uno dei due moduli oppure ad entrambi, la partecipazione al secondo però sarà limitata per ragioni di rapporto insegnati/allievi a 48 iscritti, e in caso di maggiori richieste verrà data la precedenza ai rifugisti CAI.

Le richieste di partecipazione si possono inviare all’indirizzo email rifugi@cailombardia.org indicando nome, cognome, età, numero di telefono, email, Comune di residenza, professione, nome del rifugio gestito, in caso l’iscritto sia già gestore, e la sua ubicazione.

 

(Fonte e foto cai.it)

Tags

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close