News

Valanghe: allerta massima sulle Alpi

immagine

BERGAMO — Pericolo eccezionale sulle Alpi. Il rischio valanghe per oggi fino almeno a dopo domani è altissimo, tra i 4 e i 5 gradi, ovvero il massimo della scala di pericolo. I livelli più critici si registrano sulle montagne piemontesi e valdostane, ma su tutto l’Arco alpino i fuori pista rimangono proibiitivi.

L’eccezionale pericolo di livello 5, cioè il massimo, è segnalato dal sito dell’Aineva in particolare in Piemonte e in Val d’Aosta. Su tutto il terrotorio montuoso di entrambe le regioni infatti, sono probabili diffusi distacchi spontanei di valanghe di medie e grandi dimensioni, con possibile interruzione di strade anche a bassa quota.
 
I paesi alpini più esposti al pericolo valanghe, potrebbero rimanere isolati nelle prossime ore, dal momento che sono possibili interruzioni dei principali servizi, sia delle comunicazioni sia dell’energia elettrica.
 
Dato il fortissimo rischio di slavine, lo scialpinismo e il fuoripista sono assolutamente sconsigliati, almeno fino a giovedì. I distaccamenti possono essere provocati infatti anche da un debole sovraccarico, al passaggio cioè di un singolo sciatore, già sui pendii moderatamente ripidi.
 
Pericolo forte di grado 4 invece sulle montagne dell’Alto Adige, del Trentino e del Friuli Venezia Giulia. In queste regioni numerosi distaccamenti di piccole e medie dimensioni sono molto probabili anche a basse quote e su qualsiasi esposizione. Se ad altezze inferiori ai 1500 metri le valanghe potrebbero essere per lo più di neve bagnata, più in alto potrebbero essere invece di neve asciutta e di dimensioni più grandi.
 
In Lombardia il pericolo è generalmente marcato 3. Salvo infatti le zone di confine col Trentino Alto Adige, su Adamello e Prealpi bresciane, dove il livello di rischio sale a 4, su Alpi e Prealpi lombarde sono possibili valanghe dai pendii ripidi, a tutte le esposizioni. Sono probabili scaricamenti e distacchi di piccole e medie dimensioni.
 
Al di sotto dei 1500 metri di quota potranno verificarsi frequenti scaricamenti e valanghe di neve molto umida o bagnata. A quote più alte invece potrebbero staccarsi slavine di medie dimensioni.
 
La situazione insomma è critica ovunque e gli esperti consigliano vivamente di evitare di esporre se stessi e gli altri a inutili pericoli, avventurandosi sui monti nonostante il forte pericolo valanghe.
 
Questa mattina due protagonisti del mondo della montagna come Agostino Da Polenza e Reinhold Messner, sono intervenuti nel programma mattiniero di Rai1 per parlare del comportamento migliore da tenere in questi casi di massimo allarme. Entrambi hanno consigliato di evitare di andare in montagna e di non fare troppo affidamento sull’esperienza, che tante volte non basta a evitare incidenti in situazioni di così alto rischio.
 
 
 
Valentina d’Angella
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close