News

Disinnescata bomba in Val Passiria

immagine
BOLZANO — Quando l’hanno vista, gli operai del cantiere di San Martino di Passiria che stavano facendo lo scavo sono rimasti di sasso. Davanti ai denti della loro ruspa c’era una bomba. Ma non un "petardo" qualunque, bensì una bomba d’aereo della seconda guerra mondiale. Di quelle che, se esplodono, fanno davvero male.  

Per disinnescare l’ordigno bellico hanno chiamato gli artificieri del Genio. Per mettere in sicurezza la zona e effettuare l’operazione senza patemi d’animo, è stata ordinata l’evacuazione di 12 case che si trovavano in un raggio di 500 metri dal luogo del ritrovamento.
 
Poche tutto sommato, visto che San Martino è il capoluogo della Val Passiria e conta circa tremila abitanti. Sistemate cose e persone, allontanati giornalisti e curiosi, la bomba è stata disinnescata con successo. E gli operai del cantiere hanno ripreso a scavare. Con qualche pensierino in più ogni volta che la ruspa affonda nel terreno…
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close