Alpinismo

Moro e Barmasse: obiettivo Beka Brakai

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Si chiama Beka Brakai Chhok, è alto quasi settemila metri ed è completamente inviolato nonostante tre tentativi di spedizioni internazionali. E’ questo il nuovo obiettivo di Simone Moro ed Hervè Barmasse, che dopo la brutta sorpresa della spedizione coreana che sta lavorando sulla via che volevano aprire al Batura II, hanno deciso di cambiare la meta della loro spedizione in Karakorum.

"E’ una montagna bellissima – racconta Moro – che non ci fa rimpiangere il Batura II assalito dai Coreani. Stiamo però ancora aspettando il permesso ufficiale dal Ministero del Turismo pakistano, che dovrebbe arrivare proprio in queste ore".
 
La notizia del nuovo obiettivo della spedizione di Moro e Barmasse è arrivata nelle scorse ore, dopo una settimana durante la quale i due alpinisti sono rimasti pressochè isolati dal punto di vista della comunicazione per colpa di un guasto al generatore.
 
"E’ stata una settimana di silenzio – racconta l’alpinista bergamasco – fatta eccezione per brevi telefonate o sms tutti i giorni per seguire le vicende al Nanga Parbat. Siamo rimasti qui al campo base, abbiamo arrampicato, fatto boulder e giocato di equilibrio sulla slackline".
 
I due alpinisti, dopo la salita veloce sul Batokshi Peak di una settimana fa, hanno anche passato parecchio tempo ad analizzare le montagne circostanti per individuare la cima inviolata da salire al posto del Batura II. La scelta è caduta sul Beka Brakai Chhok, 6.940 metri.
 
"Saliremo in stile alpino e possibilmente in velocità – racconta Moro -. La base della montagna si trova a circa 2 ore e mezza dal nostro campo base. E’ una cima davvero bella ed invitante, non sarà sicuramente solo un ripiego del Batura II ma una nuova sfida. Non abbiamo ancora deciso la via che seguiremo perché stiamo attentamente valutando i seracchi della montagna".
 
Non appena arriverà l’ok dal Ministero del Turismo pakistano e il maltempo concederà una tregua, i due alpinisti partiranno per la salita. "Il nostro meterologo Kar Gabl ci ha appena inviato il nuovo bollettino – racconta Moro -. Si prevede l’arrivo di alta pressione per 4- 5 giorni a partire da mercoledì".
Sara Sottocornola
 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close