• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
News

Cadute fatali in alta quota, morti due escursionisti

cnsas2-300x171.jpg
Elicottero del 118 (Photo courtesy of Cnsas)
Elicottero del 118 (Photo courtesy of Cnsas)

VICO CANAVESE, Torino — Domenica tragica sulle montagne italiane: oltre alla valanga mortale della Valle Gesso, altre due persone hanno perso la vita in alta quota. Il primo incidente si è verificato nel Canavese, dove una donna è morta a seguito di una caduta, il secondo è avvenuto sulle Alpi Apuane, dove un uomo è precipitato per 200 metri a causa del distacco di un sasso.

Due distinti incidenti mortali si sono verificati ieri sulle montagne italiane. Il primo è avvenuto nel Canavese, più precisamente in Valchiusella, a poca distanza dal confine con la Valle d’Aosta. Una coppia aveva parcheggiato la propria auto a Fondo, frazione di Traversella in provincia di Torino, per raggiungere a piedi il laghetto di Creus (1962 metri).

Secondo quanto riportano Ansa e giornali locali, la coppia stava affrontando un tratto particolarmente ripido, quando la donna è scivolata, probabilmente a causa della neve ancora presente sul terreno, precipitando per alcuni metri lungo il pendio. Il compagno ha immediatamente dato l’allarme e sul posto è giunto l’elicottero con a bordo equipe medica e tecnici del Soccorso alpino. I soccorritori hanno raggiunto la 52enne, ma per lei non c’era più nulla da fare.

Il secondo incidente si è invece verificato sulle Alpi Apuane. La sezione di Pontedera del Club Alpino Italiano aveva organizzato un’uscita sul Monte Macina, cima di 1560 metri che sorge tra la provincia di Lucca e quella di Massa Carrara. Dalle prime ricostruzioni, riportate dall’Ansa e dai quotidiani locali, il distacco di un sasso dalla parete rocciosa avrebbe causato la caduta di oltre 200 metri di uno degli escursionisti. Due tecnici del Soccorso Alpino presenti sul posto sono intervenuti per soccorrere il 39enne, ma, all’arrivo dell’elisoccorso pochi minuti dopo, il medico non ha potuto far altro che constatare il decesso dell’uomo.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.